Caparezza
Life

Cous cous fest: dieci giorni di piacere

Un premio gastronomico internazionale, concerti, show cooking e mare. La rassegna compie 18 anni

È veramente un appuntamento speciale quello del Cous cous fest. E quest’anno lo è ancor di più perché mentre l’Europa, anzi il mondo, parla di migranti, di crossover di popoli e culture, di scontri di civiltà a San Vito Lo Capo (Trapani) si incontrano Brasile, Francia, Israele, Italia, Marocco, Mauritius, Palestina, Senegal, Stati Uniti e Tunisia con la "scusa" di una gara gastronomica e di musica. Multiculturalità e integrazione sono le parole d’ordine di questa rassegna che di anno in anno è diventata sempre più ricca di proposte e più autorevole.

Dal 18 al 27 settembre si avvicenderanno molti appuntamenti, a cominciare dal Cous cous world championship, ovvero la gara gastronomica internazionale a base dell’alimento tipico del Nord Africa, reinventato, reinterpretato, declinato in versione dolce, salata, piccante…

Giuria tecnica presieduta dallo chef Claudio Sadler e composta da blogger, giornalisti internazionali (compreso chi scrive: entusiasta).

Ogni giorno, oltre trenta ricette di cous cous sono servite no-stop (dalle 12 alle 24) nei punti di degustazione per le vie di San Vito Lo Capo, anche queste in tutte le varianti possibili, con carne, pesce, verdure, senza glutine o in chiave esotica.

Show cooking quotidiani dei molti chef invitati a cominciare da Filippo La Mantia, che ha reso famosa (e stellata) la cucina siciliana.

Il programma è pingue fino all’euforia (www.couscousfest.it) e ai piaceri culinari si unirà la possibilità di imparare nuove ricette, di confrontarsi su temi multiculturali (talk show) e di godere di concerti, tutti gratuiti, uno per ogni sera dei dieci giorni della rassegna.

Gli incontri saranno condotti da Andy Luotto, attore e chef, da Vladimir Luxuria e da Federico Quaranta.

E siccome quest’anno il Cous cous fest diventa maggiorenne, compiendo 18 anni, sono tanti gli ospiti, da Vinicio Capossela ad Elio e le storie tese, da Caparezza a Giobbe Covatta, dal rapper Marracash alla band siciliana Tamuna.

© Riproduzione Riservata

Commenti