Società

Kate Middleton in topless, in America dicono NO!

Parla Kelly Linch, giornalista di Socialite Life e reporter della Casa Reale: è invasione della privacy. E va punita

Nella foto Kate Middleton, in un elegante abito che scopre solo il decollete', mentre le sue foto in topless fanno il giro del mondo. (Credits: Olycom)

Altro che diritto di cronaca e foto scattate ad una terrazza all'aperto. In America ci vanno giù duro con il settimanale francese Closer che ha pubblicato gli scatti di Kate Middleton in topless, parlando apertamente di "una deliberata invasione della privacy" e sostenendo che chi è coinvolto in questa vicenda merita di essere perseguito per le vie legali e punito dalla legge. Sì, proprio gli Stati Uniti, dove nel 1998 scoppiò il Sexgate, detto anche "Watergate con gli slip", quello in cui il presidente Bill Clinton fu costretto ad ammettere di fronte al mondo intero la sua relazione con la 22enne stagista Monica Lewinsky, e a dare in pasto alla stampa globale i suoi incontri fugaci di "sesso orale" nella Stanza Ovale.

Insomma, in America dicono no alla pubblicazione del topless di Kate Middleton. Tra le tante voci contrarie alla copertina di Closer c'è Kelly Linch, giornalista del noto e seguitissimo sito americano "Socialite Life" e reporter della Casa Reale. Da sempre impegnata a seguire le teste coronate di tutto il mondo, ne ha viste e scritte di tutti i colori, compreso lo scandalo che di recente ha coinvolto il principe Harry. Eppure Linch, intervistata da Panorama.it, non ha dubbi: gli scandali del rampollo di Buckingham Palace e della principessa di Cambridge sono due casi completamente differenti. "Sua Altezza reale, la moglie del principe William, nonostante sia un personaggio pubblico, ha tutto il diritto alla sua privacy" ci dice Kelly Linch.

Pensi che la famiglia reale abbia quindi ragione nell'annunciare querela?

Assolutamente sì! Penso che la famiglia reale abbia il diritto di citare in giudizio sia il magazine francese Closer per aver pubbicato le foto, sia il fotografo o i fotografi che hanno scattato le foto a William e Catherine. Non solo hanno causato imbarazzo a Kate Middleton, ma (tutta la vicenda, NdR) ricorda troppo da vicino i tormenti a Diana, la Principessa del Galles presa di mira e fotografata prima di perdere la vita 15 anni fa (in Francia, niente meno!).

Sui magazine americani non c'è ancora traccia delle foto di Kate Middleton in topless. Forse proprio per scelta, per quel clima "puritano" che a volte aleggia da queste parti, nonostante la moglie di William conquisti copertine su copertine, con le notizie sulla vera o presunta gravidanza o con foto che la mostrano con il velo bianco in testa, proprio a ricordare Lady Diana.

E' normale che un personaggio pubblico finisca in prima pagina sui magazine di gossip. Perchè in questo caso no?

Certo, è assolutamente normale che una figura pubblica abbia risalto nei giornali di gossip o sui tabloid, soprattutto oggi giorno che i "paparazzi" (usa proprio questo termine italianissimo la giornalista americana!) sono ovunque. Tuttavia, ci sono certi confini che non dovrebbero essere oltrepassati, perchè allora diventa una questione etica e legale.

Tu che segui le vicende della Casa Reale, pensi che sia un brutto momento per i reali inglesi? Prima lo scandalo del Principe Harry, adesso le foto di Kate Middleton..

No, non è affatto un brutto periodo per la famiglia reale. Loro hanno fatto molto nell'ambito della beneficenza e anche per l'Inghilterra intera, soprattutto negli ultimi 18 mesi. Catherine, nonostante sia destinata ad essere la futura Regina, è comunque umana. Lei ha dimostrato a se stessa di poter essere gentile, fiduciosa, generosa e una figura stabile nella vita del Principe William. Lei ha diritto alla sua privacy dopo aver dato così tanto al pubblico.

Eppure in America non sono nuovi a scandali, anche se di ben altro tipo. Non ci sono membri delle famiglie reali, ma attori, come Kristen Stewart e Robert Pattinson. Che ne pensi di questa storia?

Kristen Stewart presumibilmente ha imbrogliato il suo fidanzato Robert Pattinson (andando, NdR) con il regista di "Biancaneve e il cacciatore", Rupert Sanders, e questa cosa potrebbe esserle costata molti fans affezionati. Quello che è accaduto è alquanto inopportuno, perchè Sanders ha una moglie (la modella Liberty Ross) e dei figli. Del resto, noi non siamo altro che esseri umani, portati anche a prendere decisioni sbagliate in ogni momento, e credo che la Stewart sia davvero pentita di ciò che ha fatto.

Voi avete seguito e state seguendo molto da vicino questa storia, vero? Perchè?

Il sito per il quale scrivo, Socialite Life, ha una base ricca di fan affezionati a Stewart e per noi è importante raccontare loro cosa esattamente è successo e come possa risentirne la carriera della Stewart. Ci sono persino teorie di cospirazionisti, secondo le quali le foto della Stewart e Sanders che si abbracciano teneramente non sarebbero altro che il risultato di photoshop. Questo tipo di notizie "a morsi" del resto permettono di offrire un enorme spunto di conversazione con i lettori.

Secondo te oggi Stewart e Pattinson sono più famosi?

Io credo che tutti e quattro i personaggi coinvolti in questo scandalo - Stewart, Sanders, Pattinson e Ross - abbiano più o meno avuto un balzo nella loro carriera, dal momento in cui l'attenzione si è rivolta su di loro sulla scia dello scandalo. La Ross ha avuto titoloni sulle prime pagine dopo la presenza sulle passerelle della New York Fashion Week, mentre Pattinson ha visto aumentare il supporto dei fans dopo la conferenza stampa per il suo film "Cosmopolis". Come ogni cosa che faccia notizia, la pubblicità su questa storia ha cambiato definitivamente la carriera di ciascuno di loro, in un modo o nell'altro.

Insomma, purchè se ne parli...!

© Riproduzione Riservata

Commenti

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>