Questo sito contribuisce alla audience di TGCOM24
Società

Italiani poco dotati? Parola di tedeschi, che in fatto di misure...

Un articolo sul tabloid tedesco Bild boccerebbe le misure dei maschi italiani. Il "macho nostrano", pero', se la cava bene in quanto a durata delle prestazioni. Ma chi sono i piu' sexy?

Nella foto Rocco Siffredi, icona delle "misure italiane". Credits: Photo Cosima Scavolini/Lapresse

Italia-Germania 4-3. Altri tempi, altre contese, altri numeri. Lì si contavano i gol dello scontro sportivo più noto tra il Belpaese e i tedeschi. Qui, invece, contano solo le misure. Si', ma quelle di lui! Secondo studi teutonici, infatti, gli italici uomini si sarebbero "ristretti", non nel portafoglio, ma proprio lì! Questione di centimentri, ma tanto basta per scatenare un putiferio, con i maschi italiani sul piede di guerra, perchè a sentirsi dire di averlo "piccolo" proprio non ci stanno.

Ai tedeschi non par vero di umiliare gli uomini italiani su uno dei terreni nei quali finora non c'era storia (Rocco Siffredi è l'icona del "made in Italy" in materia) tanto che all'argomento è stato dedicato un articolo comparso nientemeno che sul tabloid Build. Qui si può leggere di come, in tempo di crisi, a restringersi non sono solo le possibilità economiche, ma anche le performance sotto le lenzuola. Altro che spread e indici di Borsa. Qui i numeri sono ben altri: 9,7 centimentri di media per i tedeschi, contro gli 8,9 degli uomini italiani. Insomma, un sorpasso in piena regola, che sarebbe stato certificato anche da esperti italiani. L'Universita' di Padova, infatti, ha testato (o "tastato"?) la situazione, raccogliendo dati di un campione di oltre 2.000 aitanti ragazzi italiani, tra i 18 e i 19 anni. Il risultato sarebbe impietoso: un accorciamento di un centimetro in media.

Colpa dello stress (da spread?), ma anche dell'inquinamento e dello stile di vita, con troppe concessioni a "vizi" come l'alcol. Ma come! La Germania non era la patria della birra? E non siamo cresciuti sentendoci dire che un bicchiere di buon vino fa solo bene (e meglio delle "bionde" con la schiuma)? E che fine hanno fatto i sex symbol italiani famosi nel mondo? Senza tornare ai tempi di Mastroianni e Gassman, che dire di "figlioli" come Raul Bova, indiscusso esempio di italica bellezza maschile? E Gabriel Garko, la cui mascella secondo molte non ha nulla da invidiare a quella di Ron Moss, alias Ridge di Beautiful?

E poi ancora Kim Rossi Stuart, Alessandro Gassman, Stefano Accorsi, Riccardo Scamarcio: tutti si trovano nei primi 10 posti della classifica degli uomini più sexy d'Italia, dove c'è spazio anche per Biagio Antonacci e Alessandro Preziosi, anche se l'ex capitano della Nazionale di calcio, Fabio Cannavaro, ha fatto girare la testa (e lustrare gli occhi) a più di una fanciulla in giro per il mondo, Germania compresa!

E tra i tedeschi? Per restare in ambito calcistico, in molte pensano che Kevin Boateng (naturalizzato tedesco, ma di origine ghanese) sia il moderno simbolo della virilità tedesca. Tra queste, sicuramente, c'è la fidanzata, Melissa Satta. Altro calciatore nella classifica dei piu' sexy di Euro 2012 è Matt Hummels, classe 1988, difensore del Borussia Dortmund e della nazionale tedesca, ma poco noto da queste parti, se non si è appassionati di pallone. Quanto agli attori, la lista sarebbe molto meno lunga della nostra (a proposito di lunghezze..).

Sta di fatto che dalle parti di Monaco, dove è tempo di Oktoberfest, sono in tanti a gongolare e brindare al nuovo "primato". Insomma, dopo il calcio e le auto , l'economia e antiche e ben più serie rivalità, ora si apre un nuovo fronte di scontro. Non potendo istituire però un governo tecnico ad hoc, nè convocare alcuna riunione d'urgenza, di alcun "ente per la protezione del macho italiano", sono stati scomodati una serie di esperti, per confutare la tesi tedesca. Uno di loro, l'andrologo Carlo Foresta, avrebbe in parte riabilitato gli organi sessuali dei maschi italiani, spiegando che, nonostante le misure, gli italiani continuano a non aver rivali in quanto a durata! Insomma, l'orgoglio è salvo. E il sorriso torna a splendere sul viso dei lettori (e delle lettrici..).

© Riproduzione Riservata

Commenti

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>