Società

Sexting, la nuova frontiera del sesso on line

Paolo e Federica raccontano le loro esperienze di sexting, una moda sempre più diffusa tra i giovani adolescenti (e non solo) in Italia e all'estero

Il sexting, come forma di sesso on line, e' sempre piu' diffuso tra i giovani. Credits: Olycom

"Ho iniziato per gioco, navigando su internet e cliccando per curiosità sui siti che promettono di trovarti una ragazza nella tua città. Sono timido, ma soprattutto curioso. E così ho conosciuto Sarah L. 13 anni. Prima qualche sms, poi delle foto, ma senza la faccia. Poi dettagli sempre più intimi. E l'eccitazione aumentava sempre di più. Così tanto che ora non riesco a fare a meno del sexting". A raccontare la sua storia è Paolo, 14 anni, di Genova. Frequenta la terza media, non gli piace studiare, ma come tanti coetanei ha un passatempo sempre a cui si dedica anima e corpo (soprattutto corpo): il sexting, ovvero il sesso attraverso foto, video, sms.

Paolo ha deciso di raccontarci la sua storia per telefono, anzi attraverso il cellulare (guarda caso), perché appunto è un ragazzo riservato. "Non solo il solo ad essere timido, nella mia classe sono in molti a non avere il coraggio di "abbordare" una ragazza tra i banchi di scuola o nei corridoi. Lo smartphone aiuta, che male c'è?". Già, che male c'è? Devono essere davvero in molti a pensarla come questo adolescente genovese, se è vero che che il sesso on line è praticato dal 74% degli adolescenti maschi e dal 37% delle femmine. Una percentuale altissima, ma soprattutto in contiua crescita. A fornire i dati è Maurizio Bini, sessuologo e direttore del Centro riproduzione e dell'Osservatorio nazionale sull'identita' di genere all'ospedale Niguarda di Milano.

Ma se per Paolo e per molti come lui il sexting è una cosa assolutamente normale, il guaio, secondo Bini, è che dietro al sesso al telefono, anzi per immagini tramite telefono, c'è altro: "L'anticipo dei tempi di maturazione e il ritardo dell'acquisizione del senso di autonomia e responsabilità hanno prolungato l'adolescenza". Insomma, anche gli over 15 non disdegnano la pratica di eccitarsi nell'inviare e ricevere foto erotiche a conoscenti o anche a perfetti sconosciuti.

È il caso di Federica. Lei, vicentina, ha superato l'adolescenza da un bel po'. Ha soffiato su 35 candeline di recente, è sposata, ha un lavoro che le piace e la gratifica, ma il suo sguardo finisce troppo spesso sullo schermo del cellulare. Il suo è un istinto irrefrenabile. "Mi dà carica, mi dà adrenalina trovare messaggi e foto del mio uomo". Peccato che il suo "uomo" in questione non sia il marito, bensì l'amante, con il quale ha ormai una relazione da diversi anni, all'insaputa del coniuge. Tutto è iniziato con un incontro casuale una sera tra conoscenti. Prima lo scambio dei numeri di telefono, poi gli sms, sempre più frequenti e "hot". Il passo dagli sms alle foto è stato breve. Come quello dal sesso virtuale a quello reale. Ma siccome lei è sposata e lui anche, non sempre è possibile trovare il tempo per incontri clandestini. Da qui il ricorso al sexting. Senza vincoli di luogo né di tempo, è possibile avere emozioni "forti" 24 ore al giorno: bastano un click, una foto nudi, una frase appena accennata e dettagli che lasciano correre la fantasia e aumentano l'eccitazione.

Ma se da adulti c'è una maggiore consapevolezza e il sexting non rappresenta altro che una forma di "tradimento" (per chi ha la fede al dito) o di "sesso alternativo", quando a praticarlo sono i ragazzi le cose si complicano. Secondo uno studio recente, il 20% degli adolescenti invia immagini erotiche, il 40% le riceve, mentre il 25% scatta foto e invia allegati in modo totalmente incosciente a più persone. Le conseguenze possono essere anche molto gravi, ma di questo i ragazzi non si curano.

Il "gioco" è bello e pienamente appagante soprattutto perché "clandestino". "Io fidanzato? Ma neanche per sogno. E anche se lo fossi, non lo direi certo né a voi ne' ai miei genitori". E' sempre Paolo a rispondere, spiegando che il sexting è un rituale da seguire di nascosto da mamma e papà.

Resta da chiedersi: ma loro, mamma e papà lo sanno cosa fa il loro figliolo chiuso in camera per ore o appiccicato costantemente al cellulare?

© Riproduzione Riservata

Commenti

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>