Questo sito contribuisce alla audience di TGCOM24
Società

Iniziano i party di Natale e il Festival del cinema di Roma chiude con Violante Placido

Tra inaugurazioni, brindisi e debutti ecco cosa è successo in giro questa settimana

Violante Placido (Credits: Olycom)

Si intensificano cocktail, cene e feste di Natale (già a partire da più di un mese prima!!!) . Per tanti la paura di non riuscire a reggerli tutti: come fai a dire che non ci sei agli amici? Magari otto amici per sera organizzano una cena, moltiplicale per quaranta giorni ed il gioco è fatto. Ma esiste veramente gente con tanti amici o è solo una scusa per andare ovunque? Logicamente scherziamo, ma non tanto.

Paola Neri e la figlia stilista
Paola Neri è una signora molto conosciuta a Milano, conosciuta anche perchè, durante una delle sue ultime cene di Natale ha fatto nevicare neve artificiale. Quest'anno ci riprova e all'Hotel Principe di Savoia, a Milano, ha invitato trecento amici: per loro trionfi di sushi e, come cadeau, la sfilata della figlia Federica che, con il marchio C-Room, veste giovani aspiranti Lady Gaga. Anche Federica assomiglia, nel look, alla cantante di "Paparazzi".

Ultimi fischi e ululati
Si è concluso sabato scorso il festival del cinema di Roma con la cena a favore di Haiti con Sean Penn, ma tutti ricorderanno questa kermesse per i fischi, gli ululati e gli insulti, con i quali una platea da sagra paesana ha accolto la proiezione di un bel film come "E la chiamano estate", film dai tempi non propriamente televisivi, che ricorda le atmosfere di Antonioni. Per "festeggiare", cocktail triste all'Hotel Majestic, dopo le stoncature della stampa italiana (ebbene si, ci si con messi anche i critici...). Contro tutto e contro tutti, invece, sabato, la giuria internazionale ha premiato il regista Paolo Franchi e Isabella Ferrari. Le produttrici Nicoletta Mantovani e Sonia Raule erano già partite, ma sono state richiamate a Roma, così come parte del cast: per loro una doppia soddisfazione e, soprattutto, una rivalsa. Tiè!

Violante, la più bella
Pochi dubbi nel pubblico: è lei (forse) la più bella. Avevamo lasciato Violante Placido dopo la rappresentazione, al milanese Teatro Franco Parenti, di "Amleto 2" con Filippo Timi, attore che lei adora, e ce la siamo ritrovata sul red carpet romano, splendida, in un immacolato abito di Mila Shon: Violante si è presentata con Luca Argentero e papà Michele Placido alla prima del film, da quest'ultimo diretto, "Il Cecchino". La JTInternational SA, poi, in collaborazione con il festival, ha invitato cento fortunati per una luculliana cena placée: qui l'attrice era accompagnata dal nuovo fidanzato.

E i cinema chiudono
Tante feste, forse troppe, al Festival di Roma, e non tutte di livello. Basta una kermesse perchè tutti si inventino una festa: si aprono le gabbie ed ecco uscire smutandate, prezzemolini, sedicenti nobili e i soliti "quattro dell'apocalisse" (aiutino: un nobile, il figlio, la finta nobile ed un'ex miss sudamericana). I veri vip si tengono alla larga: almeno cinque chilometri in linea d'aria.... E mentre si festeggia, i cinema del centro di Roma continuano implacabilmente a chiudere. Una parola di Marco Muller, direttore del festival, forse sarebbe stata utile...

Showcase esclusivo per Dolce e Gabbana
Rieccoci a Milano per una serata veramente vip:  grande festa nella sede di Dolce e Gabbana per festeggiare il compleanno di Stefano Gabbana che, diciamo, non si è risparmiato niente: per lui, come alla corte del Re Sole, il meglio del jet set e delle it-girl, ma il colpo da gran maestro è stata l'esibizione di Kylie Minogue (per non parlare dell'arrivo trionfale di Monica Bellucci). DJ set alternati, balli, ricchi premi e cotillons.

Acculturiamoci
Si tratta della presentazione di "Dall'Amore all'Amore", ultima fatica dell'avvocato Annamaria Bernardini De Pace: consigli per una sorta di medecina preventiva per le separazione. Una non-stop di più di tre ore con cena incorporata al milanese Hotel Four Seasons. Come sempre, in un'atmosfera e informale: come è nello stile di Annamaria. Da Banana Republic altra presentazione: "Donne con un diavolo per capello", un libro ironico e spiritoso di Giorgia Fantin Borghi: presenti le sue numerose amiche tra cui Umberta Gnutti Beretta.

Rankin, mom amour!
E' uno dei più grande fotografi, le celebrità si buttano ai suoi piedi ed ora è enche editore delle rivista già di culto "The Unger": da Visionnaire, ha concesso un colloquio "intimo", a pochi eletti, in compagnia dell'artista Betony Vernon, le cui opere (tra cui alcune "poltrone erotiche") saranno esposte alla Triennale di Milano per la (imperdibile) mostra "Sex in The City". Non possiamo darvi segnalazioni troppo precise per non rovinarvi la sorpresa, ma la poltrona di Betony è da provare...

For Barack
Inaugurazione dello Spazio Giglio alla presenza del CEO Luca Giglio, nel cuore di Brera: ospite il grande Stepard Fairey con le sue wharoliane opere: lo ricordiamo come autore del poster "Hope" che anni orsono diventò simbolo virale della campagna presidenziale del presidente Barack Obama. Presenti al cocktail Ariedo Braida e Lorenzo Tonetti.

Sfumature di....Rocco
Vi lasciamo con una segnalazione non proprio natalizia: dopo il successo delle insostenibili "cinquanta sfumature... (di tutti i colori)", eccoci in discoteca con l'attore e regista hard più famoso al mondo che ci illumina sui segreti dell'amore: Rocco Siffrefi in tour con la serata ironica e divertente "cinquanta sfumature di Rocco". Alle Rotonde di Garlasco tutti divertiti: niente di hard. Pochi giorni dopo tour delle conigliette di Playboy. Quindi concerto dei palestrati Gemelli diversi. Inoltre serata di spogliarelli con (ex) tronisti. Sta a vedere, che in tempo di crisi, torna a tutti una certa pruderie.... Alla prossima settimana con una grande sorpresa su possibili nuove coppie!

© Riproduzione Riservata

Commenti

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>