Questo sito contribuisce alla audience di TGCOM24
Società

Grace Kelly, è ancora lei la principessa Numero Uno

A 30 anni dalla morte il mito dell'attrice divenuta regina è più forte che mai – Quale la possibile erede?

 

Come Kate Middleton , come Mette-Marit di Norvegia, come Letizia di Spagna, anche Grace Kelly non aveva natali aristocratici: la sua era una famiglia americana ricca ma il padre John non inalberava titoli, era un brillante e carismatico canottiere (3 medaglie d'oro alle Olimpiadi) che fece fortuna con le sue mani. Ma tutt'ora Grace viene considerata LA principessa.
Certo, dalla sua aveva qualcosa: ancora oggi è ritenuta la più bella donna della storia del cinema. Alfred Hitchcock, che chiaramente di lei si invaghì ma senza speranza, la definì "ghiaccio bollente", per sottolineare quell'aura di sensualità che emanava pur essendo fondamentalmente una bellezza di tipo freddo (bionda, occhi azzurri, volendo un po' altera). Insomma, niente natali nobili ma nelle vene il sangue di Grace era comunque "blu", a partire dal nome.
La compianta principessa di Monaco rimane l'icona con cui misurare la classe delle reali attualmente al potere nel mondo dei media. A partire dalla nuora virtuale, la moglie di suo figlio Alberto, Charlene Wittstock, che sarà sempre costretta a vivere con l'ingombrante spettro della suocera.

Forse chi si avvicina di più al modello-Grace è Rania di Giordania, grazie al suo aplomb, al suo impatto mediatico e all'impegno da vera regina nel migliorare la condizione della donna nei paesi islamici. Per altri motivi, soprattutto per la vita difficile e la sua tragica scomparsa, anche Diana d'Inghilterra è stata più volte accostata alla principessa di Monaco.
E Kate Middleton? Troppo presto per giudicare, lasciamola lavorare.

© Riproduzione Riservata

Commenti

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>