Gossip

Indio, il figlio di Robert Downey Jr. arrestato per cocaina

Il padre: "Ha ereditato la predisposizione alle dipendenze"

Robert Downey Jr e il figlio Indio in una foto del 2008. Allora il ragazzo, oggi ventenne, aveva 14 anni – Credits: Gettyimages

"Crediamo che la storia di Indio possa diventare un'altra storia di recupero di successo e non un aneddoto ammonitore", così Robert Downey Jr. ha commentato l'arresto di suo figlio Indio, fermato dalla polizia di New York mentre, in una pipa, fumava cocaina.

Il ragazzo, 20 anni, aveva anche una buona quantità di sostanza in tutto simile alla coca in tasca e le forze dell'ordine lo hanno fermato e condotto in carcere.

 Dopo aver trascorso una notte in cella è stato rilasciato dopo che è stata pagata una cauzione di 10.000 dollari.

"Ci sono sostegno e comprensione da parte della famiglia - ha dichiarato il protagonista di Iron Man - e siamo tutti determinati a schierarci dalla sua parte e aiutarlo a diventare l'uomo che ha le potenzialità di essere. Siamo grati al dipartimento dello sceriffo per il loro intervento. Purtroppo, c'è una componente genetica nella dipendenza e Indio l'ha probabilmente ereditata". 

Robert Downey Jr., infatti, in passato, ha avuto una lunga storia legata alla droga e solo nel 2003 ne è completamente uscito dopo una complessa riabilitazione. Tra il 1996 e il 2001 era stato arrestato più volte per uso di cocaina, eroina e marijuana. Durante uno dei suoi processi, aveva raccontato di aver cominciato a far uso di stupefacenti all'età di 8 anni, perché il padre, tossicodipendente, glieli offriva. e poi aveva aggiunto: "Mi sento come se avessi una pistola carica nella mia bocca e il dito nel grilletto, e io adoro toccare il metallo della pistola".

Nell'aprile 1996, fu arrestato per la prima volta per possesso di eroina, cocaina e di una 357 Magnum scarica. Un mese dopo, si intrufolò nella casa di un vicino e sotto l'effetto di droga, si addormentò in uno dei letti. Fu condannato a tre anni di libertà vigilata con obbligo di sottoporsi a test anti-droga periodici.

Nel 1997 non si presentò ad un test e venne rinchiuso per quattro mesi nella prigione di Los Angeles. Nel 1999 ignorò un altro test e venne arrestato di nuovo: Downey Jr. fu condannato a tre anni di reclusione, da scontare in una prigione specializzata nel recupero da tossicodipendenza. Durante questi anni, tutti i film in cantiere furono cancellati.

Venne di nuovo arrestato nel 2000, dopo che la sua camera d'albergo venne perquisita dalla polizia a seguito di una telefonata anonima, per possesso di cocaina e valium.

Nell'aprile 2001 un poliziotto lo sorprese mentre vagava a piedi nudi per Los Angeles e fu arrestato perché sospettato di essere sotto l'effetto di stupefacenti, ma venne rilasciato poche ore dopo, nonostante fosse stato provato che avesse assunto cocaina. Dopo questo ennesimo arresto fu definitivamente allontanato dal cast di Ally McBeal.

Nel 2003 si è definitivamente disintossicato. In numerose interviste ha dichiarato di essere riuscito a vincere la sua battaglia contro la droga e l'alcolismo anche grazie al Wing Chun, un'arte marziale cinese.

© Riproduzione Riservata

Commenti