Questo sito contribuisce alla audience di TGCOM24
Gossip

I capricci delle star: da Rihanna a Madonna, le spese più folli di sempre

Ma anche Michael Jackson, Lady Gaga, U2, Kylie Minogue - Vedi anche le follie delle star di Hollywood

Rihanna in concerto al Danforth Music Hall di Toronto – Credits: La Presse

Quando le star assecondano i propri capricci, la spesa equivale a una cifra con molti zeri. Rihanna lo ha imparato sulla propria pelle, perché, a suon di ritardi e feste post concerto, sta trasformando il suo RIHANNA's 777 tour in uno dei più costosi della storia. La reginetta del pop non è da sola nel campionario delle star “dalle mani bucate”: basti pensare alla famosa multa di Justin Timberlake e Janet Jackson, ai costi esorbitanti dei concerti di Kylie Minogue e U2, o ai costumi di Lady Gaga e Madonna, fino alle follie di Michael Jackson.

Il costo complessivo delle multe accumulate da Rihanna, dicevamo, ammonta a 200mila sterline, cifra dettata soprattutto dalle partenze in ritardo cronico dei suoi aerei. Secondo il Sun, una fonte vicino alla cantante ha dichiarato: “La sua è una reazione al fatto che ogni secondo del suo tempo è organizzato dai suoi manager, ma a lei piace avere il controllo”, che suona mo di giustificazione. Sarà, ma intanto questi dispetti si addebitano a dismisura sulle casse della popstar. Il Rihanna's 777 tour tocca sette città in sette giorni, quindi i tempi di spostamento devono essere calcolati al minuto; ogni variazione sulla tabella di marcia comporta un ritardo al concerto. Fino a questo momento, infatti, Rihanna si è presentata un'ora dopo a ogni serata, fino a un ritardo di due ore e mezzo nella data di Stoccolma, che le sono valse una standing ovation di fischi.

Di multe da pagare ne sanno qualcosa anche Justin Timberlake e Janet Jackson, che dal 2004 hanno in sospeso un'ammenda pari a 500mila dollari. L'episodio che ha dato il via a questa disavventura è stato il gesto maldestro di Justin durante un duetto con la sorellina di Michael al Superbowl: lui le strappa il corpetto – inavvertitamente, parrebbe -  e lei resta con un seno scoperto. Risultato: 90 milioni di telespettatori assistono alla scena e la FCC (Federal Comunications Commission) non ci pensa due volte a chiedere alla CBS un risarcimento con i fiocchi.

C'è poi chi i soldi li investe per fare della propria tournée un evento senza precedenti. Per il suo Aphrodite Tour del 2011 Kylie Minogue ha speso qualcosa come 25 milioni di dollari solo per le scenografie: un tributo al mondo greco e alla mitologia è il tema della serie di concerti che hanno portato la cantante in giro per il mondo su un palco formato da un milione di parti mobili, sette ascensori, seicento sorgenti luce ed uno speciale Fly System, che le ha permesso di volare sul pubblico. Si aggiungano poi giochi d'acqua, cascate e fontane per un risultato secondo solo al 360° Tour degli U2, che si sono serviti di maxischermi e di una crew di 130 tecnici – solo per citare qualche cifra – per un totale di costi di produzione attorno ai 750mila dollari al giorno, esclusa la costruzione del palco.

Nella lista delle star più spendaccione non potevano mancare le due regine del pop Madonna e Lady Gaga. Per la prima si tratta di cura del corpo, prima ancora che di gioielli e profumi: nel 2010 il Daily Mirror aveva fatto i conti in tasca alla diva scoprendo che spende ogni anno 676mila euro tra creme e lozioni per mantenere il suo corpo senza età.

Miss Germanotta, come è facile aspettarsi, non bada a spese per quanto riguarda vestiti e travestimenti di scena. Nessuna sorpresa quindi nello scoprire che durante il Monster Ball Tour 2009/2010 Lady Gaga ha messo a bilancio circa 3 milioni di euro solo per il look e ha anche ammesso di essere andata in bancarotta.

Dulcis in fundo, sono milioni i dollari sborsati da Michael Jackson per appagare il suo eclettismo. Il video Scream, girato insieme alla sorella Janet, detiene l'onore di essere la clip musicale più costosa mai realizzata 11 milioni di dollari, tenendo conto dell'inflazione. Niente di inimmaginabile, d'altra parte, tenendo conto che Jacko vestiva nelle sue esibizioni un guanto bianco ricoperto di Swarovski, venduto all'asta nel 2011 per la modica cifra di 350mila dollari.

© Riproduzione Riservata

Commenti

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>