Società

Giovani, laureate, esterofile: ecco le Millennials italiane

Una ricerca della Doxa fa l'identikit delle giovani donne, alle quali si rivolge (a 30 anni dallo spot di Arbore) la nuova campagna dei produttori di birra.

Lo slogan che Renzo Arbore pronunciava con il suo sorriso piacione ha fatto la storia della pubblicità: “Birra, e sai cosa bevi”. Ora, a 30 anni da quel fortunatissimo spot, i produttori di birra hanno deciso di tornare a far parlare di sé con una nuova campagna pubblicitaria incentrata sulle giovani donne italiane: le Millennials. Una ricerca della Doxa ha convinto Assobirra a rivolgersi a loro invece che al pubblico maschile. Le Millenials hanno tra 18 e i 35 anni (stiamo parlando di 6,8 milioni di persone), bevono birra abitualmente ma con grandissima moderazione: consumano 14 litri l’anno e sono ultime nella classifica europea. Ma sono anche donne che, contrariamente ai luoghi comuni, ciò che desiderano di più nella vita è creare una famiglia (92%) anche se solo il 15% pensa che si sposerà entro 3 anni e, piuttosto, il 43% di loro pensa che andrà presto a studiare o a lavorare all'estero. Sette su 10 hanno una (o più di una) laurea o sono diplomate: quasi il doppio degli anni Novanta. Chi lavora si sente apprezzata e appagata (grado di accordo 7,5 su 10) e nella vita considerano intelligenza e competenza molto più importanti della bellezza (con un grado di accordo di 8,6 su 10).

Non si vergognano più, come succedeva una volta, di dire che amano la birra e da qui è nata la campagna “Birra io t’adoro” declinata sia sotto forma di spot che di affissioni esterne. “Abbiamo scelto di tornare in comunicazione dopo tanti anni”, spiega il direttore generale di Assobirra, Filippo Terzaghi, “con l’obiettivo di fare cultura di prodotto, di sfatare alcuni luoghi comuni che persistono: ancora oggi 1 donna su 4 crede che la birra gonfi o faccia ingrassare. Ma il nostro obiettivo è anche di spiegare alle giovani adulte che il consumo - sempre e solo prudente e consapevole - di birra può essere compatibile con uno stile di vita moderno, equilibrato ed attivo”.

© Riproduzione Riservata

Commenti