Società

Buon compleanno bikini!

Compie 66 anni il costume che è diventato un'icona di stile e sensualità

Buon-compleanno-Bikini

Ursula Andress nel film Agente 007, licenza di uccidere (1962) – Credits: Eon Productions / United Artists

Gli antichi greci e romani, che avevano capito tutto, già ne facevano largo uso, tanto da ritrarlo nei mosaici e nelle pitture. Ma il bikini così come lo intendiamo noi nasce molto tempo dopo, per l'esattezza il 5 luglio 1946 e grazie a due cittadini francesi: l'ingegnere Louis Réard e il designer Jacques Heim.

La cosa curiosa è che quando si tratta di dare un nome all'invenzione, Réard decide di prendere spunto dall'atollo Bikini, dove proprio in quelle settimane gli Stati Uniti gettano bombe atomiche a mo' d'esperimento. Sembra un accostamento poco felice, e per certi versi lo è, ma l'ingegnere è convinto che il due pezzi farà sensazione nel mondo come le esplosioni all'uranio. Non ha tutti i torti.

Realizzati i primi modelli e trovato il nome, il passo successivo è pescare una donna coraggiosa abbastanza da indossarlo e da sfidare il perbenismo dell'epoca. Non si trova una modella che sia una disposta all'impresa e così si ricorre a una spogliarellista, Micheline Bernardini.

Il resto è storia: il bikini è stato declinano in mille fogge diverse, indossato in ogni angolo del pianeta e ancora oggi è capace di attirare parecchi sguardi ammirati. Di più: è diventato un'icona, presente nelle battute dei comici, nei ricordi delle attrici, nelle considerazioni delle designer. Ecco infatti come ne hanno parlato alcune celebrità:

"Quel bikini mi ha reso una star"
Ursula Andress, diva del cinema

"Una ragazza in bikini è come tenere una pistola carica sul tavolino del soggiorno: non c'è niente di male, ma non puoi smettere di pensarci"
Garrison Keillor, scrittore e umorista americano

"Il bikini è come una recinzione di filo spinato. Protegge la proprietà privata senza ostruire la vista"
Joey Adams, comico americano

"Sin dall'inizio il bikini ha rappresentato libertà, divertimento e senso di liberazione"
Malia Mills, designer di costumi da bagno

© Riproduzione Riservata

Commenti