Questo sito contribuisce alla audience di TGCOM24
Società

Britney Spears: 4,5 milioni per cantare tanti auguri. Ecco le spese folli per la festa di compleanno

Quanto costa un live di Jay-Z, Kanye West, Rihanna, 50 Cent o Diana Ross? – Britney e le famiglie allargate dello starsystem

Britney-spears-milioni-per-un-compleanno

Los Angeles, 11 settembre 2012: Britney Spears alla premiére della seconda stagione di X Factor, edizione statunitense – Credits: Kevin Winter/Getty Images

Altro che serata intima fra amici: c'è gente che trasforma la festa di compleanno in un evento pirotecnico e che sborsa montagne di quattrini per assicurarsi ospiti d'eccezione. Il caso più recente è quello che coinvolge Britney Spears, pagata 4,5 milioni di dollari per intonare "tanti auguri a te": una somma pazzesca che fa impallidire i compensi di Jay-Z, Kanye West, Rihanna, 50 Cent o Diana Ross, tanto per citarne alcuni.

L'assegno della Spears è stato staccato da un miliardario cinese di nome Jay Lo, che il 3 novembre notte ha organizzato la celebrazione più chiacchierata del momento. In un tendone costruito ai piedi del Wynn Hotel di Las Vegas, il festeggiato ha riunito un parterre senza senso. Fra gli altri: Robert De Niro, Tobey Maguire, Jamie Foxx, Benicio Del Toro, Zack Galifianakis, Pharrel Williams, Busta Rhymes, Leonardo DiCaprio, Michael Phelps, Ludacris, Kanye West e Kim Kardashian.
Come corollario, un servizio di sicurezza che neanche quello del presidente degli Stati Uniti, bottiglie di Crystal come non ci fosse un domani e 20 acrobati circensi vestiti da Oompa Loompa intenti a compiere evoluzioni aeree in stile Cirque du Soleil.

Impossibile sapere il costo totale della festa, ma stando a una fonte intercettata da CBS, "a un certo punto DiCaprio si è messo a rappare insieme a Q-Tip e Busta Rhymes" e, appunto, Britney ha intascato 4 milioni e mezzo di dollari per accompagnare l'ingresso della torta. Fanno 180mila dollari a nota.

La retribuzione della principessina del pop ha dell'incredibile e fa impallidire, per esempio, quella che tra qualche ora intascherà Diana Ross. L'icona della musica soul sarà infatti protagonista del prossimo compleanno ad alto tasso di glamour, quello che domani notte celebrerà i 50 anni del miliardario russo Vladimir Doronin, organizzato dalla sua attuale fidanzata, la top model Naomi Campbell. Secondo l'Hindustan Times, i festeggiamenti avranno luogo all'interno del Forte Mehrangarh, spettacolare fortezza indiana che è stata anche set dell'ultimo Batman e che ospiterà per l'occasione Donatella Versate, Kate Moss, Sarah Ferguson e appunto Diana Ross. Quest'ultima riceverà 500mila dollari per esibirsi in un concerto. Non si sa quanto lungo, ma certamente più di una canzone.

Anche se il paragone con Britney Spears sembra impietoso, in realtà la "vecchia" Diana Ross vanta un onorario di tutto rispetto, una volta confrontato con i compensi di altri colleghi. Sebbene non sia facile barcamenarsi nei portafogli altrui, e per esempio non sappiamo quanto intascherà Marilyn Manson per suonare al compleanno del figlio di Johnny Depp, qualche dettaglio è però noto. Ad esempio, bastano 100mila dollari per Snoop Dogg, 150mila per Nicki Minaj e Drake, circa 500mila per Lil Wayne. Un po' più costosa Rihanna, che staziona intorno agli 800mila dollari.

In mezzo, fra le vette di Britney e la normalità dei colleghi, ci sono un paio di eccezioni: nel 2011 Jay-Z e Kanye West ricevettero 3 milioni a testa per i 16 anni della figlia di un miliardario arabo, mentre nel 2005 50 Cent intascò 2 milioni per un live in favore di Mutassim Gaddafi, quarto figlio di Muammar Gaddafi (cifra poi devoluta in beneficenza quando balzarono all'onore delle cronache le violazioni dei diritti umani di cui si macchiarono padre e figlio).

© Riproduzione Riservata

Commenti

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>