Questo sito contribuisce alla audience di TGCOM24
Società

A Milano tra feste e sfilate è iniziato il circo della moda

Tanti vip, party d'eccellenza lusso e glamour. La Milano Fashion week entra nel vivo

L'ex indossatrice Veruschka. Nel 1966 fu la musa di Antonioni nell'indimenticbile Blow Up (Credits: Olycom)

Alto e basso, cult, trash, camp, arte e cultura: di tutto, di più per la partenza di Milano Moda Donna, da Charlotte Casiraghi a Stefano Di Martino, il ballerino fidanzato di Belen Rodriguez.

Ma andiamo con ordine, se di 'ordine' nel marasma modaiolo si può parlare. Agenda alla mano si parte! L'appuntamento da non perdere è stato quello con l'inossibile ex indossatrice Veruschka . La sua eleganza e la sua falcata, nella hall del Park  Hyatt, hanno fatto dimenticare a tutti l'orrore del quotidiano: "la donna più bella del mondo, come disse Richard Avedon, ha presentato il libro autobiografico "La Mia Vita" scritto con il giornalista Jorn Rohwer.

Anche un'icona del presente come Charlotte Casiraghi non può competere con la mannequin che si 'annoiava' a sfilare. Ecco la principessina in first row da Gucci, di cui è testimonial: elegante e bella, ma ascoltando i commenti, non come mamma Carolina. "E poi se non è ripresa da televisioni o fotografata, ha lo sguardo troppo assente, un pò vacuo" bisbigliava un'importante "direttora".

Cambiano registro e passiamo a John Richmond: qui una conturbante Eva Grimaldi parlava della sua nuova fiction "Pupetta Maresca, la ragazza con la pistola", dietro di lei l'affascinante dermatologa Chantal Sciuto con l'attrice Barbara Tabita che doveva essere una bond-girl; ciliegina sulla torta Stefano di Martino, il fidanzatino di Belen che ora esce anche da solo: "Ma come si fa a mettersi con uno così giovane. Pare un bambino", chiosavano le giornaliste.

Belen, invece, era in un bar defilato, il "Fashion Cafè", in via 'Palestrina con Paolo Ruffini, suo collega alla conduzione di "Colorado". Michelangelo Pistoletto a parte, che ha ispirato mille ragazzi i quali, in Piazza Duomo, hanno composto la sua opera "Il terzo paradiso", in Corso Como 5 ecco il concerto di Nina Zilli per Elena Mirò: alla cantante non parlate mai di Francesco Renga con il quale, molti dicono, abbia avuto un flirt, da nessuno dei due confermato.

In prima fila dalla Mirò anche una sorridente Franca Sozzani che ora adora l'estetica "curvy", vabbe: pensare che proprio "Vogue" lanciò le modelle (anche troppo) magre.

Le presunte, fino a prova contraria, "it girl" italiane, ovvero Maddalena Corvaglia, Fiammetta Cicogna e Federica Fontana, da VDP per la presentazione al Grand Hotel et de Milan: Suzy Menkes, di passaggio, si chiedeva chi fossero. Chic sicuro, e chi può dire altro?

E allora via. Altro giro altro regalo. Questa settimana vietato fermarsi. E' già sera e si va tutti alla Casa degli Atellani per la cena di Hogan: atmosfera rarefatta e parterre internazionale così come da Damiani dove la patron Silvia Grassi Damiani ha mostrato a pochissimi eletti la sua nuova collezione di mirabolanti preziosi: accecanti dalla caratura. A margine anche tantissimi altri eventi: al Bolognese, la frizzante Gabriella Magnoni Dompè ha festeggiato la conduzione del programma "Mamme in Carriera" sul canale sky Easy Baby: tutte la mamme che hanno partecipato al programma erano presenti. Il "tout Milan" alla colazione per la nuova crema del prestigioso marchio La Mèr nel giardino del Salumaio, ristò all'interno del prestigioso Palazzo Bagatti Valsecchi.

Avvistata Carne Roitfeld, ex direttore del "Vogue" francese e ora al timone di "CR", più ingrugnita che mai. A Palazzo Isimbardi serata dedicata all'Argentina mentre da Massimo Crivelli, DJ set e l'attrice Olga Kent. Feste ovunque, anche troppe e non sempre di livello.

Per stasera si preannuncia imperdibile il concorso "Who's on next"  e il party di Dondup in via Sirtori. Per chi si stanca, di fianco c'è "il Panino Giusto": quello al tartufo è il migliore. E' già mattina e si ricomincia

© Riproduzione Riservata

Commenti

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>