Scienza

Zanzare: quest’anno c’è la coreana. Punge (e tanto) senza farsi sentire

Ci eravamo quasi abituati alla zanzara tigre, insaziabile e pronta a colpire anche di giorno. Adesso intorno a noi ronza pure una sua cugina orientale. In attesa dell’arma di sterminio finale, queste informazioni vi saranno utili

L'ULTIMA ARRIVATA
La Aedes koreicus ha iniziato da Belluno, ora si sta ambientando in tutto il Nord Italia. Punge anche di giorno e si adatta meglio ai climi più freddi. E può trasmettere la filariosi, malattia che colpisce soprattutto i cani.

LE ALTRE
La più diffusa resta la Culex pipiens, la zanzara comune. Poi c’è la zanzara tigre che punge di giorno, ma non nelle ore più calde.

L'HABITAT
Le zanzare vivono in piccoli ristagni d’acqua. Ne basta pochissima per ospitare un focolaio.

CHI LE ATTRAE
Ad attrarle è l’anidride carbonica. Più a rischio gli sportivi, che ne emettono di più. Non c’è evidenza scientifica, invece, che consumare più vitamina B ci renda sgraditi alle zanzare. Gli abiti chiari le tengono più lontane rispetto agli indumenti scuri. E sono in corso studi su composti emessi dagli uomini che piacciono all’olfatto delle zanzare.

IN CASA
Evitare di lasciare acqua stagnante in giro. Fare in modo che le grondaie non siano ostruite da foglie che trattengono acqua.

IL CONTROLLO
I trattamenti all’esterno, in luoghi popolati, vengono fatti con prodotti a bassa persistenza, e l’effetto dura poco. Ci sono prodotti antilarvali per tombini o risaie a base del batterio Bacillus thuringiensis, che produce enzimi nocivi per la zanzara senza avere impatto sull’ambiente.

IL METEO ZANZARE
www.meteozanzare.it è il servizio di previsione del potenziale di infestazione, con bollettini settimanali, curato dalla Vape foundation. Si può trovare, in base ai dati meteo e al ciclo biologico delle specie, quale sarà la diffusione delle zanzare. Esiste anche in versione app per smartphone.

SOTTO IL TEMPORALE
Al Politecnico americano di Georgia Tech hanno scoperto come le zanzare sopravvivono all’impatto con le gocce di pioggia: ci riescono grazie alla loro massa ridotta e all’estrema leggerezza. Gli scienziati stanno pensando di costruire minuscoli robot volanti con le stesse caratteristiche. Filmato di come la zanzara sopravvive alla pioggia: http://www.youtube.com/watch?v=LQ88ny09ruM

STERILIZZATI
Il Centro agricoltura ambiente, le università di Bologna e La Sapienza lavorano alla «tecnologia del maschio sterile»: si allevano maschi sterilizzati, rilasciandoli poi nell’ambiente dove si accoppiano con femmine in cui inducono, a loro volta, sterilità.

CHI FA CHE COSA
Roma ha avviato una bonifica con enzimi, esche e ovitrappole. La Regione Piemonte ha stanziato 7 milioni per la lotta in risaie con aerei e larvicidi biologici. Firenze ha introdotto nelle fontane il pesce Gambusia, che si ciba di larve. Milano utilizza da anni il Bacillus thuringiensis.

ZANZIBAR
La società Eugea di Bologna ha messo a punto il sistema Zanzibar: un enzima che, reagendo con il calcare dell’acqua, produce una barriera antilarve. Ma c’è anche il «ciclopino»: 250 copepodi, minuscoli crostacei predatori di larve, in grado di trattare fino a 50 litri d’acqua.

LA BAT BOX
Di notte un pipistrello può mangiare fino a 2 mila zanzare. E sono sempre più diffuse le «bat box», casette per ospitare pipistrelli.

A COLPI DI LASER
Grazie alla fondazione Bill e Melinda Gates, i laboratori Intellectual ventures hanno inventato un sistema laser che individua le zanzare a distanza (fino a 30 metri) e le colpisce in volo. Una sorta di scudo missilistico antizanzara.

TRAPPOLE SVIZZERE
A Como l’Università di Basilea ha disseminato trappole per catturare la zanzara tigre. Il progetto andrà avanti fino a ottobre, per studiare questo insetto e il sangue contenuto negli esemplari presi.

IL DEET
Non abusare di repellenti che contengono la sostanza Deet, in particolare sui bambini, avverte l’Istituto superiore di sanità.

Fonti: Sara Savoldelli, entomologa dell’Università di Milano, Massimo Galli, ordinario di malattie infettive all’Università di Milano e primario all’ospedale Sacco.

© Riproduzione Riservata

Commenti