Questo sito contribuisce alla audience di TGCOM24
Scienza

Sesso? Spesso e volentieri, ma con la stessa donna

Così eros e sentimento proteggono dall’infarto

Fatelo. Fatelo spesso e soprattutto con la vostra compagna, fidanzata o moglie che sia. Metteteci il cuore, insomma, e un pizzico di romanticismo. Vi conviene, perché l’attività sessuale frequente o comunque regolare, purché arricchita di emozioni e sentimenti, è protettiva per il cuore maschile.

Lo affermano, sicuri di quel che dicono, ricercatori americani in un’indagine condotta nell’ambito del Massachusetts male ageing study (un progetto a lungo termine il cui inizio risale alla fine degli anni Ottanta). Ciò che hanno stabilito gli esperti, dopo avere seguito per 16 anni un migliaio di uomini tra i 40 e i 70 anni, è che chi aveva un’attività sessuale almeno due-tre volte la settimana con la stessa donna correva un rischio minore, del 45 per cento in meno, di avere infarti o problemi cardiovascolari rispetto a chi faceva sesso una volta al mese. Cuore e vasi sanguigni, in altre parole, ne traggono beneficio.

Il motivo per cui ad avere un effetto terapeutico sarebbe il sesso «sentimentale» e non quello puramente meccanico, spiegano gli autori dello studio, è che chi ama ed è amato dalla propria compagna gode di una relazione intima in grado di alleviare lo stress e le tensioni, cause indirette, in molti casi, di malattie cardiache.

La controprova, del resto, l’hanno data di recente altri scienziati, stavolta italiani (unità di medicina della sessualità e andrologia dell’Università di Firenze): gli uomini che tradiscono la propria donna hanno più possibilità di infarto e guai cardiovascolari. I ricercatori sono giunti a questa conclusione dopo avere osservato per 12 anni i comportamenti dei loro pazienti. Alla lunga, la tensione e il senso di colpa, o semplicemente l’ansia di non farsi scoprire e la fatica mentale (oltre che fisica) di tenere in piedi due relazioni, erano un boomerang per la salute.

© Riproduzione Riservata

Commenti

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>