Questo sito contribuisce alla audience di TGCOM24
Salute

Un po’ di gel per curare l’infarto

Una soluzione speciale, testata per ora sui maiali, potrebbe in futuro rigenerare il tessuto danneggiato da un attacco cardiaco

Purificare, liofilizzare, macinare in polvere e sciogliere in un liquido pronto per essere utilizzato: sembra una ricetta di cucina, ed effettivamente una ricetta lo è, non per fare torte bensì per riparare cuori danneggiati (nel filone della medicina rigenerativa). Succede questo: scienziati dell’Università della California sono riusciti a mettere a punto un idrogel contenente, in sospensione, frammenti di proteine larghe appena 5 nanometri e un fattore di crescita endoteliale (ingrediente fondamentale); il gel è stato iniettato direttamente nel cuore di maiali e topi infartuati e una volta lì ha iniziato a incoraggiare la crescita di piccoli vasi sanguigni, i capillari, in grado di rigenerare il cuore.

Già in passato si era tentato di favorire lo sviluppo di vasi sanguigni cardiaci usando il fattore di crescita endoteliale (la sua sigla è Vegf), però questo veniva «sciacquato via» dalla circolazione sanguigna. Intrappolato nell’idrogel, invece, il Vegf viene rilasciato gradualmente, nell’arco di alcune settimane, e così stimola le cellule staminali che circolano nel sangue a ripopolare il tessuto cardiaco compromesso dall’infarto.

«Le nanofibre contenute nel gel creano una sorta di microambiente capace di reclutare le staminali che riparano il cuore» ha precisato Patrick Hsieh, autore principale dello studio (pubblicato su Science translational medicine). E il fatto che l’esperimento abbia funzionato nei maiali è estremamente importante, perché il loro cuore è molto simile a quello umano.

Leggi Panorama online

© Riproduzione Riservata

Commenti

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>