Questo sito contribuisce alla audience di TGCOM24
Salute

Troppo tempo davanti al pc? Dieci regole per salvare gli occhi

Dalla American Academy of Optometry ecco alcuni consigli per evitare di sforzare la vista (e farsi venire mal di schiena) davanti al pc o con gli smartphone.

Ecco alcuni consigli preziosi per una corretta posizione davanti al pc, per salvare occhi e schiena. Credits: Eye Vision

Non bastavano i computer, usati prima solo per lavoro e oggi anche per "diletto". Ora ci sono anche i tablet, che ci costringono a fissare lo schermo a volte per molto tempo, con buona pace dei nostri occhi. La vista, infatti, è la prima a rimetterci quando si usa molto (e male) il computer. Basti pensare che con sole due ore al giorno davanti al monitor possono aumentare seriamente i problemi di vista e la media delle ore trascorse davanti ad un pc per lavoro o a casa può tranquillamente superare le 8 al giorno. A peggiorare la situazione è poi anche l'uso massiccio di smartphone, per controllare email, inviare messaggi e foto. E gli schermi sono spesso molto piccoli e non sempre puliti.

Ecco allora che l'American Academy of Optometry ha messo a punto una sorta di decalogo per salvare gli occhi (ma anche la schiena) da "stili di consumo" di pc e simili sbagliati.

1) La prima cosa da fare, secondo la American Academy of Optometry, è tenere pulito lo schermo del computer per evitare di affaticare gli occhi e, se si usa lo smartphone, cercare di non esporlo alla luce diretta del sole.

2) Preferire sfondi di colore grigio a quelli chiari o bianchi, perché la vista verrà sforzata di meno.

3) Mantenere la giusta distanza tra voi e lo schermo. Secondo la American Academy of Optometry equivale alla lunghezza del vostro stesso braccio, una volta steso.

4) Posizionare lo schermo appena al di sopra dell'altezza degli occhi e in modo che non rifletta la luce.

5) Regolare la luminosità del monitor in base all'orario in cui si usa il pc.

6) "Remind yourself to blink". Cosi' scrivono gli esperti americani, ovvero "Ricordati di sbattere gli occhi". Osservare con attenzione lo schermo del computer, infatti, ci fa spesso dimenticare questa semplice azione, che pero' e' fondamentale per mantenere la giusta lubrificazione degli occhi.

7) Ricordarsi la regola del "20-20-20": in America la regola prevede che ogni venti minuti di lavoro al pc, si faccia una pausa di 20 secondi, facendo una "passeggiata" di venti piedi, ovvero circa 6 metri. Se proprio non volete (o potete) essere così  fiscali, sono sufficienti delle interruzioni di un paio di minuti ogni mezzora circa di lavoro, per permettere agli occhi di riposare.

8) Utilizzare occhiali appositi. Secondo gli optometristi americani, infatti, l'acquisto di un paio di occhiali, da usare specificatamente quando si lavora al pc, è un valido aiuto alla vista, perche' permettere di non affaticarla eccessivamente.

9) Fare attenzione anche all'uso degli smartphone. La giusta distanza tra cellulari e viso deve essere quella di un braccio semipiegato, con la mano che tiene il telefonino di poco al di sotto del livello della spalla. Anche le spalle, infatti, risentono della posizioni scorrette, sia quando si scrive al computer, sia quando si guarda di frequente il cellulare. Ecco allora un altro paio di consigli.

10) Se si è ad una scrivania - ricordano ancora dalla American Academy of Optometristry - sarebbe bene tenere la tastiera ad un'altezza tale che le spalle rimangano rilassate e i gomiti siano leggermente aperti.

L'ultimo consiglio (che è più che un consiglio e arriva da regole del codice della strada) è rivolto invece al nutrito popolo di coloro che non sanno resistere alla tentazione di inviare sms e foto mentre camminano: è assolutamente sconsigliato farlo quando si sta per attraversare la strada e vietato si è alla guida!

© Riproduzione Riservata

Commenti

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>