exosomi
Salute

Sclerosi multipla: dalle cellule staminali neurali una scoperta per future terapie

Un team di ricercatori italiani ha identificato un meccanismo biologico cellulare che può aprire la strada a nuovi trattamenti terapeutici

Sulla prestigiosa rivista Nature Chemical Biology è apparsa in questi giorni una pubblicazione a firma di Stefano Pluchino, neurologo e ricercatore, che da diversi anni studia nuove terapie con cellule staminali neurali nel trattamento di condizioni come la sclerosi multipla.

Il suo team, composto da ricercatori italiani (Nunzio Iraci, Edoardo Gaude e Chrsitian Frezza), dal 2010 lavora presso il Wellcome Trust-MRC Stem Cell Institute di Cambridge (UK) dove ha svolto un ruolo essenziale nello sviluppo dei primi studi di fase I con cellule staminali neurali, recentemente iniziati nelle forme progressive di sclerosi multipla.

Le ricerche del gruppo si sono concentrate su un aspetto molto specifico della biologia della cellula: gli exosomi, particelle di dimensioni molto piccole che si formano dalla membrana cellulare e servono a trasportare e scambiare diversi tipi di molecole tra le cellule.

Gli exosomi sono fondamentali nella regolazione del metabolismo cellulare, delle risposte infiammatorie, della metastatizzazione dei tumori. Ecco cosa racconta il dottor Pluchino.

In cosa consiste la vostra analisi?

Da alcuni anni ormai studiamo gli exosomi delle cellule staminali neurali perché abbiamo scoperto che svolgono una funzione importante nei meccanismi di comunicazione tra cellule in condizioni complesse come ad esempio i trapianti.

Siamo convinti che il chiarimento di queste dinamiche possa permettere lo sviluppo di protocolli di terapia disegnati attorno alla malattia e attorno al paziente: sono le basi di quella che adesso è nota come precision medicine o medicina di precisione.

 Quali sono gli esiti più importanti?

Abbiamo notato che gli exosomi delle cellule staminali neurali si comportano come delle unità metaboliche completamente indipendenti dalla cellula madre e sono quindi in grado di trasportare enzimi metabolici: una funzione che può essere sfruttata per veicolare molecole curative all’interno dell’organismo.

Infatti le staminali quando arrivano nel cervello scambiano exosomi con le cellule vicine, che sono sia del sistema immunitario, sia neuroni.

Che risvolto può avere questa ricerca per la sclerosi multipla?

La scoperta può essere tradotta in nuove terapie, poiché le cellule da cui è partito il nostro studio sono linfociti simili a quelli verso cui sono stati sviluppati i principali farmaci che contrastano la malattia, cioè i medicinali attualmente in uso per le forme a ricadute e remissioni di sclerosi multipla.

La malattia infatti è causata proprio da particolari linfociti (cellule del sistema immunitario) che attaccano il rivestimento delle cellule nervose, distruggendolo progressivamente e impedendo così la comunicazione tra i neuroni.

Estendendo lo studio anche ai linfociti coinvolti nella sclerosi multipla, possiamo immaginare di utilizzare exosomi come delle nanoparticelle naturali in cui incapsulare enzimi e farmaci in generale.

Trasportare farmaci a bersaglio con “pezzi” di cellule staminali

La scoperta che le cellule staminali neurali (attualmente in fase di sperimentazione nelle forme progressive di sclerosi multipla in due studi clinici di fase I) possano veicolare tramite i propri exosomi degli enzimi funzionalmente attivi e selettivi apre la strada alle terapie, dette acellulari, in cui gli exosomi sono utilizzati in alternativa alle cellule staminali.

In futuro si potrebbe addirittura pensare di sviluppare anche nanoparticelle del tutto sintetiche, che mimino le principali funzioni degli exosomi, per incapsulare il farmaco desiderato e immetterlo in vivo nel paziente, nel sito desiderato e alla concentrazione voluta.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Commenti