burro
Salute

Più grassi e meno carboidrati per ridurre la mortalità

Studio canadese scagiona anche i grassi saturi, chi ne consuma di più è protetto dall'ictus. Frutta e verdura: bastano quattro porzioni

Ormai lo sanno anche i bambini: per stare in salute, e magari tenere a bada anche la ciccia, occorre mangiare meno grassi. Oppure no? Nella storia della ricerca scientifica applicata all'alimentazione le smentite clamorose di credenze fino a quel momento radicatissime non sono una novità. L'ennesimo caso è quello che riguarda il rapporto tra consumo di grassi e mortalità. A spingerci a cambiare almeno in parte idea sul ruolo potenzialmente nocivo di questi nutrienti sono i risultati di una ricerca canadese pubblicati su The Lancet e presentati pochi giorni fa al congresso della Società Europea di Cardiologia che si è tenuto a Barcellona.

Grassi: chi ne consuma meno muore prima

I dati sulla dieta di 135mila pazienti in 18 paesi nei cinque continenti dimostrano che un elevato apporto di carboidrati è associato a una più alta mortalità totale e non cardiovascolare, mentre una maggiore assunzione di grassi è legata a un rischio più basso. In pratica tutto il contrario, o quasi, di quanto suggerito dalle linee guida alimentari a livello globale."I nostri risultati non supportano l'attuale raccomandazione di limitare l'assunzione totale di grassi a meno del 30% dell'energia e l'assunzione di grassi saturi a meno del 10% dell'energia", ha dichiarato Mahshid Dehghan, della McMaster University di Hamilton, in Canada.

"L'assunzione di grassi totali per circa il 35% dell'energia con una riduzione concomitante dell'assunzione di carboidrati può far calare il rischio di mortalità totale. Infatti, gli individui con elevata concentrazione di carboidrati - oltre il 60% dell'energia - possono beneficiare di una riduzione dell'assunzione di carboidrati e dell'aumento del consumo di grassi". Insomma, meno pasta, più camembert? In realtà non tutti i grassi, come sappiamo, sono uguali

Più grassi saturi, meno ictus

Ogni tipo di grasso è comunque associato a una significativa riduzione del rischio di mortalità. Meno 14% per i grassi saturi, meno 19% per i monoinsaturi e meno 20% per i polinsaturi. Di più: una più elevata assunzione di grassi saturi, quelli che fino a oggi ci hanno invitato a rifuggire come la peste, è stata associata a una diminuzione del 21% del rischio di ictus.

"Una diminuzione dell'assunzione di grassi ha portato automaticamente un aumento del consumo di carboidrati", spiega Dehghan, autrice principale dello studio. "E le nostre scoperte potrebbero spiegare perché alcune popolazioni come quelle del sud dell'Asia, che non consumano molti grassi ma mangiano molti carboidrati, hanno tassi di mortalità più elevati".

Frutta e verdura: bastano 3-4 porzioni

Non contenti di far vacillare le nostre certezze sul fronte dell'assunzione di grassi e carboidrati, i ricercatori canadesi in un altro studio, pubblicato e presentato contestualmente al primo, hanno dato un'occhiata anche al consumo di frutta, verdura e legumi, per capire se e quanto la loro assunzione abbondante, anch'essa suggerita dalle linee guida, sia effettivamente protettiva.

E' emerso che ad avere l'effetto più significativo, cioè un maggiore abbassamento del rischio di mortalità, era un'assunzione moderata, pari a tre-quattro porzioni (tra i 375 e i 500 grammi) di frutta, verdura e legumi al giorno, con pochi benefici aggiuntivi derivanti da un consumo più abbondante. L'assunzione di frutta, a quanto pare, era più fortemente associata ai benefici rispetto a quella di verdura. Perciò a chi stentasse ad arrivare a quattro porzioni quotidiane conviene aggiungere una macedonia piuttosto che un'insalata.

Più verdura cruda e legumi

Ma meglio un'insalata di un piatto di verdure alla griglia. Già, perché un'altra delle scoperte fatte dai ricercatori è che "l'assunzione di verdure crude ha un'associazione più forte a un minore rischio di morte rispetto all'assunzione di verdure cotte". "Le linee guida dietetiche non distinguono i vantaggi delle verdure crude rispetto alle verdure cotte", avvertono, ma "i nostri risultati indicano che le raccomandazioni dovrebbero mettere in risalto l'assunzione di verdure crude rispetto a quelle cotte".

E i legumi? Fagioli, lenticchie, ceci, piselli sono comunemente consumati da molte popolazioni dell'Asia meridionale, dell'Africa e dell'America Latina. "Mangiarne una porzione al giorno diminuisce il rischio di malattie cardiovascolari e morte", spiegano i ricercatori. Occorrerebbe perciò incoraggiarne il consumo in Europa e Nord America, dove i livelli di assunzione non sono molto alti.

Dieta equilibrata

Lo studio PURE (Prospective Urban Rural Epidemiology) dal quale sono stati attinti i dati "comprende popolazioni provenienti da regioni geografiche che non sono state studiate prima e la diversità delle popolazioni aumenta notevolmente la forza delle nostre scoperte", spiega Victoria Miller, studentessa di dottorato tra gli autori dello studio.

Ma se tutto quello che ci hanno raccomandato finora era sbagliato o impreciso, come dobbiamo regolarci da adesso in poi? "La moderazione nella maggior parte degli aspetti della dieta va preferita, rispetto all'assunzione molto bassa o molto elevata della maggior parte dei nutrienti", chiosa Salim Yusuf, ricercatore principale dello studio e direttore del Population Health Research Institute della McMacter, che ha condotto l'indagine. Il vecchio mantra che suggerisce di seguire una dieta equilibrata, mangiando un po' di tutto, alla fine si rivela la linea guida più intelligente e forse, in ultima analisi, anche la più facile da seguire.

Per saperne di più


© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Commenti