sulla bilancia
Salute

Obesità: la sua durata incide sul rischio cancro

Studio su 70mila donne: più di 10 anni di sovrappeso aumentano le probabilità del 7%

Più a lungo una donna è in sovrappeso o obesa e più potrebbe aumentare col tempo il suo rischio di sviluppare un tumore. Questo è in breve il risultato di uno studio pubblicato sulla rivista PLOS Medicine su oltre 70.000 donne in post menopausa. C'è un legame tra la durata del periodo nel quale si ha un indice di massa corporea alto e il rischio di sviluppare diversi tipi di cancro, dal seno all'endometrio.

"Il nostro studio", spiega Melina Arnold dell'Organizzazione Mondiale della Sanità, "suggerisce che vi sia un effetto cumulativo dell'obesità sul rischio di cancro". I dati cui fa riferimento la ricerca sono stati raccolti nel corso di 12 anni durante i quali sono stati diagnosticati 6.301 tumori legati al sovrappeso nelle partecipanti. Il dato interessante che emerge è che per ogni decennio di sovrappeso in età adulta il rischio di contrarre un tumore correlato aumentava del 7%. Ma non è tutto. Gli autori hanno anche registrato un aumento del 5% del rischio di tumore al seno post menopausa e addirittura del 17% per quello all'endometrio, sempre per ogni 10 anni di sovrappeso.

Per Arnold la spiegazione è semplice: "Periodi più lunghi di sovrappeso e obesità aumentano il rischio e la gravità di ipertensione, resistenza all'insulina, infiammazione cronica, danno al DNA e cambiamenti nel metabolismo ormonale, che sono tutti meccanismi chiave nell'aumento del rischio cancro". E non conta solo la durata: anche l'entità del sovrappeso ha la sua importanza. Occorre invece chiarire quanto conti l'età di esordio del sovrappeso, cioè se e quanto il fatto che cominci nell'infanzia o in adolescenza incida sul rischio.


© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Commenti