Salute

Michael Douglas, il cancro e il sesso orale

Il tumore alla gola che ha colpito l'attore sarebbe dovuto all'HPV, il virus che si trasmette per via sessuale

L'attore con la moglie Catherine Zeta Jones in una foto recente (Credit: Kikapress)

L'attore americano visto di recente a Cannes nel film Behind the candelabra lo ha dichiarato candidamente in un'intervista rilasciata al quotidiano inglese The Guardian: "Ciò che ha causato il mio tumore alla gola è stato il sesso orale". Il responsabile sarebbe l'Hpv, il Papillomavirus che si trasmette per via sessuale, e contro il quale la maggior parte delle ragazzine oggi viene vaccinata. Panorama.it ha intervistato Paolo Bossi, oncologo della struttura di Oncologia Medica Tumori Testa - Collo dell'Istituto Nazionale dei Tumori di Milano, per capire meglio il legame che esiste tra HPV, sesso orale e tumori della bocca e della gola.

Il sesso orale può causare tumori?

Quello che Douglas dice nell'intervista unitamente a recenti valutazioni sul suo caso fatte negli Stati Uniti fanno pensare che il suo non sia stato un tumore alla gola ma all'orofaringe, cioè alla base della lingua. I tumori della laringe non hanno correlazione col virus, quelli dell'orofaringe sì. Negli ultimi anni abbiamo assistito a un cambiamento nei fattori causali di questo tipo di tumori. Prima erano causati solo da fumo e alcol, ora aumentano quelli causati dall'Hpv, lo stesso virus che causa il tumore della cervice uterina nelle donne. Nel caso di Douglas si può trattare di concause: fumo e alcol e Hpv.

Qual è l'incidenza di questi tumori in Italia? 

Il numero di partner sessuali aumenta il rischio di incidenza del cancro dell'orofaringe. Ma vanno evitati gli allarmismi: si parla pur sempre di circa 3 casi ogni 100.000, quindi di un'incidenza bassa. Certo, come dicevo, sono in aumento i casi Hpv correlati. La buona notizia è che studi recenti hanno dimostrato che il partner di una persona che ha avuto un tumore all'orofaringe causato da Hpv non è maggior rischio di sviluppare lo stesso tumore. E' possibile però che partner femminili di pazienti maschi con cancro dell'orofaringe abbiano avuto un tumore della cervice uterina. In generale l'incidenza è maggiore tra gli uomini ma il rischio in realtà non è differente tra i sessi, perché il virus si trasmette sia dalla donna all'uomo sia viceversa. 

Nell'intervista Douglas arriva a sostenere che la stessa cosa che ha causato il cancro può anche curarlo. Come se l'esposizione al virus causasse una sorta di immunizzazione. Cosa c'è di vero?

In realtà l'unica cosa vera è che i tumori dell'orofaringe legati all'Hpv hanno una prognosi migliore rispetto a quelli dovuti ad alcol e fumo. Quello che conta comunque è sempre la diagnosi precoce. 

Il sesso orale è una pratica a rischio?

Di per sé non è una pratica a rischio, è solo un possibile veicolo di trasmissione del virus come di altre patologie infettive. Probabilmente il numero di partner è comunque quello che incide maggiormente. 

© Riproduzione Riservata

Commenti

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>