Salute

Lavoratori esposti a rumore: effetti cardiovascolari

spinoff

(Roma, 23 febbraio) - Lo Spin-Off dell'Università degli Studi di Roma "La Sapienza", SiPro srl, ha contribuito alla realizzazione della ricerca dal titolo "Can noise cause high blood pressure? Occupational risk in paper industry", pubblicato sulla rivista scientifica "La Clinica Terapeutica".

Il rumore viene definito come "suono sgradevole" ed è uno tra gli agenti fisici più diffusi sia in ambito lavorativo che extra lavorativo. Provoca una serie di alterazioni a carico delle strutture neuro-sensoriali dell'orecchio interno e può creare danni anche ad altri organi ed apparati, interferendo con l'omeostasi dell’organismo e rappresentando uno dei principali componenti dell’inquinamento ambientale.

I ricercatori sono partiti dall'ipotesi che il rumore possa essere fattore di rischio non solo per l'ipoacusia professionale, ma anche per altre alterazioni come ad esempio quelle sul sistema cardio-circolatorio.

Nello studio 72 lavoratori dell'industria cartaria sono stati sottoposti ad esami medici mirati che hanno evidenziato un aumento statisticamente significativo della pressione arteriosa.

La collaborazione dello Spin-Off con la U.O. di Medicina del Lavoro dell’Università di Roma "Sapienza" dimostra la possibilità di intervenire in modo efficace ai fini della tutela della salute dei lavoratori esposti al rumore promuovendo un'azione di protezione acustica fornendo opportuni dispositivi di protezione individuale.

Per informazioni: http://www.spinoff-sipro.it/index.php/it/

© Riproduzione Riservata

Commenti