influenza
Salute

Febbre alta, un bracciale hi tech dà l'allarme

Il nuovo termometro monitora senza sosta molti parametri vitali, senza fili e con un sistema di autoalimentazione

Un bracciale in grado di far scattare l'allarme se la febbre sale troppo. Una sorta di "angelo custode" che monitora senza sosta molti parametri vitali dei pazienti ricoverati in reparto. Il tutto senza fili e con un sistema di autoalimentazione di ultima generazione, sviluppato con componenti organici flessibili. Il dispositivo è stato messo a punto dai ricercatori giapponesi della Graduate School of Engineering e dell'Institute of Industrial Sciencee di Tokyo e presentato all''International Solid State Circuits Conference' di San Francisco (Usa).

Il bracciale è il primo circuito organico capace di produrre anche un'uscita audio, quella appunto che emette l'allarme in caso di una variazione prefissata della temperatura nell'intervallo tra 36,5 e 38,5 gradi. Ed ha anche un altro primato: incorpora un circuito di alimentazione organico di ultima generazione, flessibile e sottile. Quest'ultimo è in grado di far funzionare il bracciale, grazie a un pannello solare miniaturizzato, in condizione di illuminazione scarsa con una resa 7,3 volte superiore.

"Il nostro bracciale con l'allarme per la febbre alta - spiegano i ricercatori - dimostra che è possibile produrre dispositivi monouso flessibili, che possono migliorare notevolmente la quantità di informazioni raccolte in un ospedale. Il sistema può essere anche adattato - suggeriscono - per registrare altri parametri come la pressione o la frequenza cardiaca".


© Riproduzione Riservata

Commenti