Salute

Esoscheletro per paraplegici. Alzati e cammina: ora si può

La californiana Ekso Bionics ha costruito un esoscheletro che rimette in piedi chi ha subito gravi lesioni vertebrali.

Obiettivo: mandare in pensione la sedia a rotelle. Ed è più vicino del previsto. La speranza di molti paraplegici è affidata alla sperimentazione degli esoscheletri, come quello messo a punto dalla società californiana Ekso Bionics. Questo dispositivo funziona come un vero e proprio scheletro artificiale indossabile, capace di rimettere in piedi e fare camminare chi ha subito gravi lesioni del midollo spinale. Alimentato da una batteria che assicura fino a tre ore di autonomia, il sofisticato dispositivo è l’evoluzione di alcuni progetti sviluppati in ambito militare.

Il primo esoscheletro è stato recentemente consegnato al Craig Hospital di Denver, centro riabilitativo d’eccellenza negli Stati Uniti. «Ed è solo l’inizio» dice a  Panorama Eythor Bender, numero uno della Ekso Bionics. «Vogliamo proporre una versione più commerciale entro il 2014 con prezzi più abbordabili. Questo modello, infatti, costa 100 mila euro.

© Riproduzione Riservata

Commenti