Salute

Animali: Green Hill, Lav chiede inchiesta su operato ispettori ministero

beagle_inf-kVj--1280x960@Web

Roma, 25 feb. (AdnKronos Salute) - "Un'inchiesta sull'operato dell'Ufficio del ministero della Salute che ha dichiarato sempre in regola l'allevamento Green Hill, condannato il mese scorso dal Tribunale di Brescia", e "l'istituzione di una Commissione per procedere alle revisioni delle autorizzazioni ai Centri per la sperimentazione sugli animali, composta da personale che dia adeguate garanzie di preparazione scientifica e terzietà". Sono queste le due richieste che la Lav ha rivolto al ministro della Salute, sostenuta "da un'interrogazione parlamentare delle senatrici Pd Silvana Amati, Daniela Valentini, Manuela Granaiola, Monica Cirinnà e Donella Mattesini".

La Lav sottolinea che "il ministero della Salute ha ispezionato due volte l'allevamento di beagle a Montichiari (Brescia), nel luglio 2010 e nel gennaio 2012, relazionando testualmente che 'non sono stati evidenziati segni riferibili a maltrattamenti', 'sono a disposizione arricchimenti ambientali', 'non si è registrato sovraffollamento', 'è stato approntato un ambulatorio per la cura degli animali e per gli eventuali interventi chirurgici', 'assenza di stereotipie o di atteggiamenti di apatia', 'le segnalazioni di maltrattamento non hanno trovato fondamento'".

"Proprio tutto il contrario - evidenzia la Lav - di quanto poi accertato dai veterinari nominati ausiliari dal Corpo forestale dello Stato, per l'inchiesta disposta dalla Procura della Repubblica di Brescia, che ha portato al sequestro degli animali e alla condanna complessiva a quattro anni di reclusione per maltrattamenti e uccisioni di animali".

© Riproduzione Riservata

Commenti