Questo sito contribuisce alla audience di TGCOM24
Salute

Alzheimer: dieci passi contro l'esclusione

Le esortazioni rivolte a governi e società nella giornata mondiale dedicata alla malattia

Messo a punto un nuovo test per la diagnosi precoce di Parkinson e Alzheimer

Migliorare l'educazione dell'opinione pubblica e incoraggiare le persone con demenza a condividere le proprie esperienze e garantire che esse partecipino alle attività quotidiane. Sono queste le raccomandazioni contenute nel Rapporto Mondiale Alzheimer 2012 ''Superare lo stigma della demenza'', pubblicato in occasione della giornata mondiale Alzheimer e presentato stamattina a Milano dalla Federazione Alzheimer Italia.

Questi le dieci esortazioni che Alzheimer's Disease International rivolge ai governi e alle società per limitare lo stigma e l'esclusione sociale di malati e familiari.

1 - Educare il pubblico

2 - Ridurre l'isolamento delle persone affette da demenza

3 - Dare voce alle persone con demenza

4 - Riconoscere i diritti delle persone affette da demenza e dei loro familiari

5 - Coinvolgere le persone con demenza nelle loro comunita' locali

6 - Sostenere ed educare i carer familiari, volontari e professionali

7 - Migliorare la qualita' dell'assistenza a domicilio e nelle case di cura

8 - Migliorare la formazione specifica dei medici di base

9 - Sollecitare i governi a creare piani nazionali Alzheimer  

10- Migliorare la ricerca su come affrontare lo stigma legato alla malattia.

L'invito che l'Organizzazione Mondiale della Sanità e Alzheimer's Disease International rivolgono oggi a tutto io mondo è di considerare le demenze una priorità mondiale di salute pubblica, un problema globale e non solo una ''malattia del mondo industriale''.

Nel mondo ogni 4 secondi nasce un nuovo caso di demenza, un tasso di crescita impressionante, pari a 7,7 milioni di nuovi casi ogni anno. ''Le stesse dimensioni - si legge nel rapporto - delle popolazioni della Svizzera e Israele''. In Italia si stima che le persone con demenza siano un milione, di cui 600mila malate di Alzheimer.

''In questo momento" sottolinea Shekhar Saxena, Direttore del Dipartimento di Salute Mentale e Abuso di sostanze OMS "solo 8 dei 194 Stati membri dell'OMS hanno un piano nazionale sulle demenze in atto. Alcuni Paesi, come l'India, hanno strategie nazionali, ma sviluppate da organizzazioni della società civile. La nostra speranza è che altri Paesi utilizzino il rapporto come punto di partenza per la pianificazione e l'implementazione di piani nazionali ufficiali''.

L'Italia è tra i paesi che non possiedono ancora un Piano nazionale. Le demenze, sottolinea l'Oms, esploderanno in questo secolo a causa dell'allungarsi della vita media dell'uomo. Attualmente il rischio è di 1 a 8 per gli over 65 e di 1 a 2,5 per gli over 85. ''I nostri attuali sistemi sanitari - denuncia Marc Wortmann, direttore esecutivo ADI - non possono far fronte a tutto ciò. Questo imminente disastro economico e del debito pubblico rappresenta una sfida sociale e sanitaria di prim'ordine''

© Riproduzione Riservata

Commenti

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>