Scoperto dove virus Hiv si nasconde nelle cellule
Salute

Aids, ecco dove si nasconde il virus

Straordinaria scoperta di un gruppo di ricercatori di Trieste sulla esatta posizione del virus Hiv all'interno della cellula

Roma, 2 mar. (AdnKronos Salute) - Che il problema dell'Aids sia dovuto alla capacità del virus Hiv di inserire il proprio Dna in quello delle cellule che infetta, e diventare così parte del loro patrimonio genetico, era cosa nota da tempo. Ma perché il virus scelga soltanto alcuni dei 20 mila geni umani per integrarsi e, soprattutto, come riesca all'interno di questi geni a nascondersi ai farmaci è rimasto finora un enigma. Enigma ora però risolto grazie a un gruppo di ricerca dell'International Centre for Genetic Engineering and Biotechnology (Icgeb) di Trieste. La ricerca, pubblicata online su 'Nature', è stata condotta in collaborazione con il Dipartimento di Medicina dell'Università di Trieste, l'Università di Modena e il Genethon di Parigi.

Fotografando la struttura del nucleo delle cellule infettate dal virus, il team di ricercatori triestini ha infatti scoperto che il virus integra il proprio Dna vicino al 'guscio' esterno che delimita il nucleo, in corrispondenza alle strutture del poro nucleare da cui il virus stesso ha avuto accesso all'interno.

"E' come quando entriamo in una sala cinematografica al buio - commenta Mauro Giacca, che ha diretto la ricerca - i posti più comodi magari sono quelli più lontani, ma quelli più facili da raggiungere sono vicini alla porta d'ingresso, ed è li che ci sediamo. Ma inserendosi nei geni vicino alla porta d'ingresso, ecco che la probabilità che il virus si nasconda ai farmaci diventa più alta: questo è il motivo per cui oggi riusciamo a rallentare la progressione verso l'Aids, ma non riusciamo a eliminare l'infezione".

Dall'inizio degli anni '80, quando l'epidemia di Aids cominciò a dilagare, quasi 80 milioni di persone sono state infettate dal virus secondo le stime dell'Organizzazione mondiale della sanità, ma nemmeno una di queste risulta essere stata capace di guarire definitivamente.

La nuova scoperta ora mostra come sia proprio l'architettura del nucleo dei linfociti e le zone che il virus sceglie per localizzarsi a favorire il suo mascheramento e a impedire quindi ai farmaci oggi disponibili di sconfiggere definitivamente la malattia. Il nuovo studio è dunque particolarmente rilevante, perché rappresenta un importante passo verso lo sviluppo di nuovi farmaci che possano portare a una cura.

L'Icgeb è un'organizzazione internazionale delle Nazioni Unite che opera dal 1987 a Trieste, con sedi a New Delhi (India) e a Cape Town (Sudafrica). Il Centro, diretto da Mauro Giacca, è sostenuto da più di 60 Paesi e sviluppa attività di ricerca e formazione di eccellenza nel campo della ricerca molecolare e delle biotecnologie.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Commenti