Scienza

Maya, il gran giorno. Chi organizza l'orgia in piazza e chi fa gesti scaramantici

Oggi, 21 dicembre, dovrebbe finire il mondo. Ma a che ora? Se Putin dice di sapere quando accadrà, c'è chi festeggia e chi indossa cravatte scaramantiche.

Un antico rito Maya, rivisitato per l'occasione. Credits: Getty Images.

È il gran giorno, quello dell'attesa, temuta, ridicolizzata Fine del Mondo. Quello indicato dalla presunta profezia dei Maya per l'Apocalisse. Non è ancora ben chiaro, però, a che ora ci sarà il doomsday, come lo chiamano gli americani. Ecco, allora, un fiorire di domande sul web alla ricerca del momento esatto. Perchè a prepararsi per questo giorno sono stati in tanti, ma se non se ne conosce l'orario preciso è difficile organizzarsi la giornata e soprattutto la serata: a che ora dare appuntamento, ad esempio, ad amici e parenti per l'ultima cena? Ci sarà poi tempo per le ultime compere di Natale, nel caso in cui domani fosse tutto esattamente come oggi? In tanta incertezza, "per fortuna" c'è chi le idee sembra averle ben chiare. Si tratta di Vladimir Putin, che ha dichiarato di non aver paura della fine del mondo, perchè "è inevitabile".

Tutto qui? No di certo. Il presidente russo ha aggiunto: "So quando quando avverrà: tra 4 o 5 miliardi di anni". Tutto sotto controllo, dunque, il tempo per gli ultimi desideri può aspettare, almeno secondo il Cremlino. Secondo il sito francese di informazione Slate.fr , il solstizio d'inverno dovrebbe avvenire alle 11.12 (anzi: alle 11, 11 minuti e 37 secondi). Ma, considerando il fuso orario, da noi saranno le 12.12. Perlo storico Luc Mary, invece, la fine del mondo nella previsione dei Maya dovrebbe avvenire al tramonto del sole. Ma a che ora tramonta il sole nella terra del popolo centroamericano? L'orario, ancora una volta, varia a seconda delle fonti. Se si prende in consideraizone il geroglifico su una stele, scoperto nel 1980 a Tortugero, in Messico, il tramonto dovrebbe avvenire alle 17.41. Nel caso invece si consideri l'altro geroglifico, trovato sul sito di La Corona, in Guatemala, il tramonto (e la conseguente fine del mondo) sarebbe attesa per le 17.30. Questione di minuti, certo, ma per qualcuno possono fare la differenza.

Considerando la differenza di fuso tra il Messico e l'Europa, e in particolare l'Italia, dunque l'armageddon non dovrebbe verificarsi prima di mezzanotte e mezza. Tutti pronti per un bel brindisi, allora? Ovunque in Italia e nel mondo, sono state organizzate feste a tema. Il rischio è solo quello di ubriacarsi ...per poi svegliarsi sabato con un bel cerchio alla testa. Ma locali e pub hanno pensato anche a questo, prevedendo altri festeggiamenti per il 22 dicembre. Questa volta non si brinderà alla fine del mondo, ma alla fine della sbornia (forse).

I più "originali" sono stati i francesi, che secondo quanto raccontato da Le Matin, hanno dato appuntamento per oggi alle 19.30 in Place de L'Europe a Nizza, quartiere Flon, per un'orgia collettiva. Il tutto con un passaparola su Facebook, dove ieri mattina sono state invitate 6.500 persone a partecipare al singolare evento. Sulla pagina "Grosse partouze avant la fin du monde", appena lanciato l'evento avevano aderito in 450, mentre altri cento si erano detti dubbiosi, ma solo per il freddo che avrebbero dovuto affrontare. Più sobri a Napoli, dove la storica maison Cilento di via Medina ha aggiunto un nuovo articolo alla propria collezione: una cravatta da Fine del Mondo. Con sfondo scuro, è punteggiata da piccoli soli per combattere, in modo scaramantico, l'Apocalisse. Unita al famoso corno, potrebbe aiutare a sacoingiurare il peggio.

© Riproduzione Riservata

Commenti