Tim Moxon
Scienza

La differenza tra ciclone, uragano, tifone, tornado e tromba d'aria

Le perturbazioni climatiche che colpiscono la Terra, analogie e divergenze tra le difinizioni

Spesso parlando (ma anche scrivendo) i nomi comuni delle tempeste vengono confusi. Invece prendono una denominazione diversa secondo il luogo in cui si originano e quanto sono violente.

Il ciclone

Il ciclone tropicale prende il nome secondo la regione in cui si verifica e colpisce il continente indiano dopo essersi formato nell’omonimo oceano.

Il ciclone consiste infatti in una perturbazione a carattere rotatorio che raggiunge centinaia di chilometri ed è caratterizzata da venti molto intensi e violenti che partono da una velocità di 119 km orari uniti a forti precipitazioni.

Il tifone

Il tifone è il nome che più comunemente si usa per le perturbazioni tropicali dell’oceano Pacifico nordoccidentale, soprattutto nella regione delle Filippine e del Mar Cinese. Se un tifone arriva a 241 chilometri orari viene chiamato "supertifone".

L'uragano

L’uragano riguarda invece perturbazioni tropicali ma che colpiscono i Caraibi e gli Stati Uniti meridionali (oceani Atlantico e Pacifico nordorientale). Il nome deriva dallo spagnolo huracán, adattamento di una voce indigena delle Antille per il dio caraibico delle tempeste. Se i venti di un uragano raggiungono la velocità di 179 chilometri orari, la tempesta diventa "uragano intenso". Gli ultimi in ordine cronologico sono stati Irma e Harvey.

Il tornado

Il tornado, invece, è un fenomeno circoscritto e simile alle trombe d’aria. Un vortice che può avere un’ampiezza di 300 metri e si sposta in linea retta coprendo un percorso di circa 30 chilometri con una velocità di 600 chilometri orari.

La tromba d'aria

Secondo quanto si legge sul sito di 3bmeteo le espressioni "tornado" e "tromba d'aria" sono sinonimi. È sbagliato quindi pensare che un tornado sia una tromba d'aria molto più forte. La consuetudine porta in Italia a chiamare fenomeni del genere come trombe d'aria, mentre in altre parti del mondo (come negli Stati Uniti) si preferisce usare l'espressione tornado (twister in inglese).


© Riproduzione Riservata

Commenti