s-PntA5CiU_n2jDjIKqGc_n33PkZLn3Qe0VaJgHtKLY,-pkKk3xHrRgOM72sCskkKMp30sE3xw5Uz8ebNezq6JI
Scienza

Kazakistan, dal padiglione di Milano all'Expo 2017

Giochi di sabbia, voli in tre dimensioni e un assaggio della prossima esposizione universale nella capitale Astana, tutta dedicata alle energie rinnovabili

Scienza

Kazakistan, dal padiglione di Milano all'Expo 2017

Giochi di sabbia, voli in tre dimensioni e un assaggio della prossima esposizione universale nella capitale Astana, tutta dedicata alle energie rinnovabili

D’accordo, le code sono ormai croniche e quasi insormontabili, però se siete tipi tosti, non vi scoraggiate facilmente e avete deciso di fare un ultimo salto all’Expo, non perdetevi il padiglione del Kazakistan, uno dei più belli.

Con due punti di forza: i giochi di sabbia (assolutamente suggestivi) che, creati dalle mani di un’artista su una lastra di vetro e proiettati su un grande schermo, illustrano la storia di questo paese mentre una voce fuori campo la racconta al pubblico; e un emozionante viaggio tridimensionale, con poltroncine che si muovono simulando il volo dall’alto (con occhiali 3D) sul Kazakistan della natura (frutteti, campi, ambienti sottomarini, canyon con cavalli selvaggi che corrono) e quello delle città, della tecnologia e del futuro.


3Ue-2sigdYUjTgw0hWCKYVEA8g-U22XRN6tzdJnGklU


Non è un caso, del resto, che l’Expo del 2017, il cui tema centrale saranno le energie rinnovabili, sia previsto proprio in questo paese, ex repubblica dell’Unione Sovietica al confine tra Europa e Asia. La capitale, Astana, si sta già preparando: vi parteciparanno 100 paesi (tra cui, molto probabilmente, anche l’Italia) e durerà tre mesi, da giugno a settembre, il periodo climaticamente più accogliente.
 

Ci saranno mille eventi disseminati su 26 mila metri quadrati, al cui centro svetterà una gigantesca sfera trasparente (sarà la più grande al mondo), scelta per ospitare il padiglione del Kazakistan. Coerente con l’argomento delle fonti rinnovabili, tutto l’Expo kazako sarà autosufficiente dal punto di vista dell’energia, fornita da pannelli solari.

Un impegno a costruire un futuro più pulito (nonostante oggi il Kazakistan sfrutti in pieno le sue ricche risorse di carbone e petrolio): obiettivo non più rimandabile, come emerge da tutti gli ultimi studi e come verrà ribadito da tutti i principali paesi del mondo nel prossimo vertice sul clima che si terrà a dicembre, a Parigi.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Commenti