Questo sito contribuisce alla audience di TGCOM24
Scienza

Il bosone di Higgs: un tipo noiosissimo, quasi deprimente

Si chiama PHd, post Higgs depression, la sindrome che colpisce i fisici delusi dalla banalità della particella di Dio

Credits: Elaborazione grafica di Leonardo Traina

Un inedito disturbo si sta diffondendo tra i fisici teorici di tutto il mondo: si chiama PHd, post Higgs depression, e colpisce i fisici delusi dalla banalità del bosone di Higgs , la celebre «particella di Dio».

I sintomi? Umore irritabile, nervosismo e insonnia. I primi casi si sono verificati al Cern di Ginevra già poche ore dopo l’esaltante annuncio della scoperta dell’Higgs, dopo uno stato di scomposta agitazione, euforia e ottimismo. Ormai però la sindrome si è diffusa in vari laboratori di fisica del pianeta: è contagiosa e si trasmette per contatto verbale o via email, proprio quando i teorici sono impegnati nella loro attività più naturale: scambiarsi le idee.

Più passa il tempo, infatti, più il bosone di Higgs appare sconfortantemente uguale a come lo si aspettava: in questa particella non si trova nulla che apra nuovi orizzonti o dia un indizio per risolvere qualche grande mistero della fisica. Il risultato è che i fisici teorici sono in crisi creativa. Al momento la PHd non contagia invece i fisici sperimentali, ancora impegnati nelle loro misurazioni. Si teme però che se il bosone non muterà divenendo meno banale, anche gli sperimentali finiranno per caderne vittima.

Leggi Panorama online

© Riproduzione Riservata

Commenti

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>