Questo sito contribuisce alla audience di TGCOM24
Green

La super plastica adesso è realtà

All'Università di Tel Aviv hanno sviluppato un materiale nuovo, forte come l’acciaio e molto resistente nel tempo: pesando dieci volte meno dell’acciaio, le autovetture, più leggere, consumerebbero molto meno.

Un sacchetto di plastica

Dal 2020 consumeremo più di duecento milioni di tonnellate di plastica ogni anno. Un bel problema per l’ambiente, dato che la ricerca non ha ancora sfornato un materiale biodegradabile con le stesse caratteristiche di durabilità e durezza.

Mentre gli sforzi in questa direzione proseguono con scarso successo, una soluzione arriva dall’Università di Tel Aviv, dove ricercatori guidati dal professor Moshe Kol, hanno sviluppato una super-plastica, forte come l’acciaio e molto resistente nel tempo. Per gli scienziati israeliani, l’impiego di questo materiale come sostituto di alcuni metalli, per esempio nelle scocche e telai delle automobili, potrebbe rivelarsi un grande vantaggio ecologico. Primo, perché pesando dieci volte meno dell’acciaio, le autovetture costruite con questa plastica, più leggere, consumerebbero molto meno.

Poi perché i metodi di produzione, più brevi e semplici (oltre a essere atossici) di quelli delle plastiche tradizionali, consentirebbero di risparmiare risorse ed energia (quindi emissioni di gas) nel processo di fabbricazione, abbattendone anche i costi. Infine, una plastica più robusta e che dura a lungo si traduce in meno tonnellate di rifiuti da smaltire e riciclare.

E non solo nell’industria automobilistica: secondo Kol, la super plastica potrebbe sostituire qualsiasi materiale di uso quotidiano e persino il cemento, per esempio nelle condutture per il trasporto dell’acqua, garantendo un minore impatto ambientale. Il segreto della superplastica?

Lo sviluppo di un composto chimico che fa da catalizzatore nel processo di produzione del polipropene, il materiale usato per realizzare la plastica comune, che lega molto più saldamente le catene di polimeri, i mattoni fondamentali che unendosi tra loro formano tutti i tipi di plastiche.

© Riproduzione Riservata

Commenti

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>