dieta
Dieta

Dimagrire: nuove scoperte per lei e per lui

Due studi fanno luce su possibili soluzioni per combattere il sovrappeso in modo mirato

Non avete sempre invidiato la relativa velocità con cui gli uomini riescono a perdere peso, quando ci si mettono? Fanno un po' di palestra, una corsetta domenicale, e lavorando sui muscoli riescono a buttar giù la ciccia senza poi nemmeno troppe rinunce. Per noi donne non è così semplice, ma questa ingiustizia potrebbe essere vendicata dall'ultimo ritrovato della ricerca medica. Si tratta di un composto derivato dalle foglie di una pianta che si trova nell'America Centrale e Meridionale che sembra avere il potere, per ora nei topi, di aiutare quelli obesi a perdere anche fino al 30% del proprio peso.

Azione muscolare

Vi sembra una leggenda metropolitana? Lo pareva anche a me finché non ho scoperto che c'è già un team di scienziati al lavoro su un composto sintetico che simula gli effetti dei flavonoidi contenuti nelle foglie della Godmania aesculifolia. I ricercatori hanno scoperto che il 7,8-DHF, questo il nome del composto allo studio, aiuta a bruciare calorie perché agisce sui muscoli, ma solo delle femmine, allo stesso modo dell'esercizio fisico intenso e regolare. In pratica la molecola si lega a un recettore che si trova sulle cellule muscolari e accelera il metabolismo energetico.

Prima di stracciare l'abbonamento in palestra, sappiate che la strada per poter comprare questo allenamento dimagrante in boccetta è ancora piuttosto lunga. Comunque i primi risultati, documentati in un articolo apparso sulla rivista della Cell Press Chemistry & Biology, sono incoraggianti. Rispetto alle topoline che avevano ricevuto il placebo, quelle alle quali era stata somministrata una formulazione orale di 7,8-DHF bruciavano più calorie e vedevano modificarsi la propria composizione corporea: perdevano massa grassa in favore della massa magra, cioè più muscoli e meno ciccia.

Liberi tutti

E volete conoscere un altro effetto strepitoso del composto? Nelle topoline normopeso ha impedito che quelle nutrite con una dieta ricca di grassi mettessero su peso. Sì, avete letto bene, una sorta di manleva per l'all you can eat, quanto di nutrizionalmente più diseducativo io possa immaginare, ma pur sempre... "Una pillola per la dieta equivalente negli esseri umani permetterebbe alle persone di mantenere un peso sano, nonostante una dieta ricca di grassi", afferma l'autore Keqiang Ye, della Emory University School of Medicine di Atlanta. "La pillola potrebbe bruciare calorie senza influenzare l'appetito", in pratica la miglior buona notizia dall'invenzione della tinta per capelli.

Quanto manca ai test sull'uomo, anzi sulla donna? In realtà il farmaco è già in sperimentazione ma per tutt'altri scopi: la cura dell'Alzheimer. Se supererà i test di efficacia e sicurezza per la malattia neurologica, è ipotizzabile che un giorno la molecola sia resa disponibile anche per curare o prevenire obesità e sovrappeso. "Chiaramente", avverte Ye, "sono necessarie ulteriori indagini per capire perché brucia selettivamente il grasso dei topi femmina."

Un ormone per lui

E per il grasso dei maschi che si può fare? Pur ammettendo che riescono a dimagrire con una certa maggiore facilità rispetto alle donne, molti uomini combattono comunque dure battaglie con il sovrappeso. La risposta arriva dall'ormone dell'amore, l'ossitocina, che ha dimostrato di rendere i maschi più amorevoli, appunto, affidabili ma anche inclini a moderarsi a tavola e scegliere cibi più sani e meno grassi. Basta uno spruzzo di spray nasale e il gioco è fatto. O almeno questo è il risultato di un piccolo studio su 25 uomini che hanno ricevuto una dose di ossitocina in aerosol e poi consumato un pasto meno calorico, con meno grassi, mostrando perfino un miglioramento in alcuni valori metabolici come la sensibilità all'insulina.

In due sessioni separate dello studio condotto dalla Harvard School of Medicine, i partecianti hanno ricevuto l'ossitocina e il placebo, quindi ciascuno ha provato entrambe le cose, così il gruppo oggetto del test rappresentava allo stesso tempo anche il gruppo di controllo. Ogni uomo ha mostrato di mangiare meno e più sano dopo aver ricevuto l'ossitocina rispetto a quando ha ricevuto il placebo. 

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Commenti