Dieta

Che sapore ha un grillo?

C'è chi dice che gli insetti saranno la nostra principale fonte di proteine, in futuro. Intanto un giornalista americano ha assaggiato alcuni piatti, e li racconta

iStockphoto

Gli esperti non hanno più dubbi: per risolvere la mancanza di cibo che fra qualche anno affliggerà il pianeta, ricorreremo agli insetti, che saranno il futuro della nostra alimentazione . Ma quantai possono dire di aver assaggiato un piatto a base di grilli? Per sciogliere ogni dubbio Dan Nosowitz, un giornalista di Popular Science , ha partecipato ad un evento nel cuore di Manhattan, che prevedeva la degustazione di piatti a base di insetti, e descrive con una accurata galleria fotografica tutto quello che ha assaggiato. 

Il consumo umano di insetti, spiega l'articolo, si chiama "entomofagia". Non è raro al di fuori del Nord America e dell'Europa Occidentale; in Messico per esempio, cimici e cavallette sono considerate snack gustosi e ottimi ripieni per i tacos. Nel nostro mondo mangiare gli insetti è considerata una bizzarria da reality show, ma le cose potrebbero presto cambiare: gli animali negli allevamenti intensivi consumano enormi quantità di grano, acqua e terra, e richiedono la deforestazione di enormi aree del pianeta. Gli allevamenti sono responsabili del 50 per cento delle emissioni totali di gas serra. Non sorprende, quindi, che gli scienziati abbiano cercato alternative, dalla carne coltivata in laboratorio agli insetti, appunto. 

Il primo assaggio di Nosowitz è una sorta di barretta energetica al cioccolato, la Chapul Bars, a base di cioccolato, burro di arachidi e farina di grillo. Il giornalista la descrive come una normale barretta, solo un po' più asciutta. Poi passa ad assaggiare gli originali cioccolatini del pasticcere texano Fat Turkey, a base di cioccolato fondente, noci e un grillo inserito in cima. Il sapore del grillo, spiega il giornalista, è insignificante nell'insieme, e quasi non si nota. Ma quello che lo entusiasma di più sono i biscotti della pasticceria Emily Breedlove, a base di farina di grilli, che descrive come "dannatamente buoni, grilli o non grilli".

Insomma, a giudicare da questi assaggi, il grillo non ha un sapore forte e può essere usato per assumere proteine alternative alla solita carne. Ma voi sareste disposti a provarlo?

© Riproduzione Riservata

Commenti