Questo sito contribuisce alla audience di TGCOM24
Scienza

L'ansia da matematica si può curare. Ecco come

Se soffrite del terrore dei numeri, probabilmente avete un'intelligenza superiore alla media

matematica, pallottoliere

Affrontare calcoli e semplici formule vi mette ansia, sin dai tempi delle elementari?  O ancora ricordate con terrore le interrogazioni di matematica: sudorazione a litri, salivazione azzerata, balbettii incomprensibili e altri sintomi fantozziani che vi impedivano di risolvere anche una banale addizione come due più due?

Si chiama ansia da matematica, e se ne soffrite (o se ne avete sofferto), significa che avete un quoziente d’intelligenza sopra la media e il vostro cervello è fortemente predisposto per i problemi matematici. Sembra paradossale ma è proprio così.

Lo dimostra uno studio condotto all’Università di Chicago da ricercatori guidati da Sian Beilock, professore di psicologia, che spiega: “L’ansia da matematica colpisce gli studenti che potenzialmente potrebbero raggiungere i risultati migliori”, perché sono quelli più dotati in termini di memoria di lavoro”.

Si tratta di una funzione cognitiva del cervello legata alla memoria a breve termine: “È come un blocco per appunti mentale, dove archiviamo temporaneamente le informazioni da elaborare, tipicamente proprio i numeri e i calcoli”.

Maggiore è la memoria di lavoro, più elevato è il quoziente d’intelligenza. L’ansia da matematica interferisce con questa parte della memoria. Ecco perché studenti poco brillanti e con un QI basso riescono a sopravanzare i coetanei più intelligenti: non sono bloccati dall’ansia perché non usano la memoria di lavoro, essendone sprovvisti, per risolvere problemi matematici.

La ricerca di Beilock, condotta su 88 scolari di prima elementare e 66 di seconda, ha evidenziato come questa patologia influisca sul rendimento scolastico: i bambini che ne soffrono rimangono indietro di quasi metà anno scolastico rispetto ai coetanei in termini di prestazioni matematiche. “Ciò porta a un circolo vizioso negativo” aggiunge Beilock, “ perché proprio gli scolari più predisposti sono anche quelli più impauriti dall’aritmetica e quindi con le performance peggiori”.

Il rimedio? Ridimensionare l’ansia, facendo scrivere agli studenti delle loro ansie e paure nell’affrontare la matematica. E poi diminuire le pressioni da parte di genitori e insegnati, aiutando i ragazzi a vedere interrogazioni e compiti in classe come un gioco d’abilità piuttosto che una minaccia, concludono i ricercatori.

© Riproduzione Riservata

Commenti

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>