Questo sito contribuisce alla audience di TGCOM24
Animali

Stop al traffico del rarissimo pangolino

L’Operazione Libra dell’Interpol ha permesso di recuperare 1.200 esemplari destinati al consumo alimentare, la metà dei quali ancora in vita

Pangolin 3

Quello che vedete in queste foto è un pangolino, uno degli animali più curiosi che esistano, e naturalmente è nella lista delle specie a rischio d’estinzione. L’anno scorso lo Zoo di Taipei ha festeggiato l’arrivo del quarto pangolino nato in cattività ma il destino di questi strani mammiferi è tutt’altro che sicuro.

Cacciati dai bracconieri per l’utilizzo delle loro scaglie soprattutto nella medicina cinese, questo formichiere corazzato vive soprattutto nel Sud-Est asiatico, tra Indonesia, Laos, Malesia, Tailandia e Vietnam. I Pangolini sono animali notturni e si cibano prevalentemente di termiti, formiche e altri insettti. Durante il giorno, invece, dormono arrotolati in una palla corazzata.

Anche la loro carne è molto apprezzata e, anche se non si conoscono con esattezza le dimensioni del fenomeno, la richiesta di pangolini sul mercato nero ha fatto sì che siano già praticamente estinti in molti dei loro habitat naturali.

L’Operazione Libra , che si è conclusa, lo scorso luglio è stata portata avanti dall’Interpol con il supporto della Freeland Foundation e finanziata in parte dall’ente statunitense USAID.  La divisione della polizia internazionale dedicata ai crimini ambientali ha recuperato addirittura 1.220 pangolini: metà erano già stati uccisi e congelati, ma circa 600 erano ancora vivi e in buone condizioni. Tra gli animali catturati erano presenti anche svariati uccelli rari, serpenti e persino otto cuccioli di tigre.

Accusate di violare la CITES (Convention on International Trade in Endangered Species), 40 persone sono state arrestate e altre 200 sono indagate nelle regioni coinvolte in quella che David Higgins, capo dell’Environmental Crime Programme dell’Interpol ha definito “un esempio eccezionale dei risultati che possono essere raggiunti attraverso la cooperazione internazionale per far fronte al traffico illegale di uno degli animali più vulnerabili che esistono”.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Commenti

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>