Questo sito contribuisce alla audience di TGCOM24
Animali

La triste storia della giraffa fuggita dal circo

Scappata dal recinto, ha goduto di qualche ora di libertà. Poi è stata catturata e riportata nel recinto. Ma il cuore non ha retto allo stress

 

Una storia di voglia di libertà, ma finita male, anzi malissimo. Stamattina a Imola una giraffa ha deciso di scappare dal circo in cui era rinchiusa, gettando scompiglio nella cittadina. Ha curiosato tra i palazzi e nei cortili, ha corso all'impazzata inseguita da auto e camion...insomma ha provato per qualche ora a vivere lontana dal suo recinto.

La sua corsa è finita quando un agente della Polizia provinciale l'ha fermata sparando un'iniezione di sedativo. Purtroppo però dopo qualche ora la giraffa è morta.  Il cuore ha cessato di battere poco dopo le 15 del pomeriggio per un insieme di stress: da quello psicologico, per essersi trovato in un ambiente a lui avverso, all'effetto sul suo ''piccolo'' cuore dell'anestetico utilizzato per sedarlo, fino a quello psicofisico per la paura che l'aveva invaso.

È questa la prima ipotesi del veterinario del Circo Rinaldo Orferi, Giovanni Gaudenzi. Maggior chiarezza - ha detto ancora - potrà essere fatta dall'autopsia domani alla facoltà di medicina veterinaria a Ozzano Emilia, ma certamente la sua capacità di recupero dopo gli stress subiti non poteva che risultare ''molto complicata''.

Al momento della morte della giraffa, che aveva circa 4 anni con 9 quintali di peso, pesano le ipotesi di collasso circolatorio, trombosi o di choc ma ognuno di questi effetti avrebbe come causa lo stress vissuto dall'animale che ha cessato di vivere al momento in cui si è rialzato dopo che era terminato l'effetto calmante e dormiente dell'anestetico ''sparatogli'' stamani da una guardia provinciale all'interno del recinto dello stabilimento della Coop. Cefla.

Rimane comunque da chiarire il motivo che ha reso possibile la fuoriuscita della giraffa dal recinto del circo e le ipotesi, che saranno verificate dagli inquirenti, toccano sia una disattenzione da parte di un dipendente che l'atto di un ''nemico'' del circo: qualcuno che volutamente avrebbe voluto fare danni alla carovana. L'animale, un cucciolo maschio della specie ''camellopardalis'', era fuggitostamattina alle 8,30 dal circo Rinaldo Orfei.

© Riproduzione Riservata

Commenti

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>