Animali

Fenicotteri: migliaia di nidi al Molentargius

Nel parco del Cagliaritano in questo periodo si può ammirare lo spettacolo di migliaia di nidi e di pucini appena nati

di Stella Locci*
Dalla percezione visiva, sembrerebbe che anche quest’anno i fenicotteri non abbiano disatteso le aspettative: da oltre tre settimane si è potuto osservare il prodigio dell’insediamento di migliaia di fenicotteri nidificanti.
Un cannocchiale alla mano e lo spettacolo è assicurato. Aperture alari di un rosa intenso, piccoli e grandi esemplari di fenicottero si muovono placidi fra le canne al vento e volteggiano a filo d'acqua. Il richiamo sonoro ci porta al loro volo, sincrono e regolare: collo disteso in avanti e le zampe leggermente pendenti. Talvolta la natura, con suoi cicli e suoi ritmi, sembra volerci sorprendere: in questi giorni gli  specchi d’acqua appaiono delle isole rosa e osservando il centro dello stagno del Bellarosa Maggiore si distingue nitidamente un anello rosa formato da migliaia di esemplari.
Anche l’accoppiamento dei fenicotteri  segue un suo rituale. I maschi si radunano in gruppi, allineandosi uno di fianco all' altro, dando vita alla scenografica  parata nuziale. Per richiamare l' interesse delle femmine  si lisciano le piume con il becco e mostrano le loro ali color porpora, spalancandole di frequente.

Le previsioni per il 2014 nell'area cagliaritana sono da record  e le eccellenti presenze sembrano voler superare i numeri dell’anno precedente. Il Parco Molentargius Saline si conferma  a pieno titolo un ecosistema di raro valore naturalistico. I  motivi precisi di questa eccezionale nidificazione verranno stabiliti a fine stagione, ma è abbastanza verosimile che alla nutrita presenza di fenicotteri abbiano contribuito i lavori di restauro, preliminari alla riattivazione delle saline, effettuati nell’ambito del progetto LIFE-NATURA. Con l’obiettivo di contribuire a salvaguardare la biodiversità e la conservazione degli habitat naturali si sono realizzati  interventi straordinari di ingegneria naturalistica volti a ripristinare l'adeguata circolazione delle acque salate.
Non appena la colonia si sarà insediata definitivamente l’Ente Parco Molentargius  sarà in grado di fornire dati numerici certi. Le colonie nidificanti si trovano nello stagno ed è comprensibilmente proibito avvicinarvisi: nulla deve mettere a repentaglio la loro incolumità.
Per scrutare gli uccelli senza arrecare loro disturbo è assolutamente necessario seguire i consigli del personale del Parco  del Corpo forestale e di Vigilanza Ambientale della Regione Sardegna.
Di sicuro  vale la pena di fermarsi ad osservare un tramonto solcato dal volo di uno stormo di fenicotteri e, per coloro che desiderano fare incontri ravvicinati, ci si può orientare tra le bellezze naturalistiche del Parco dove  è possibile percorrere sentieri intervallati da torrette di avvistamento.  

*Responsabile Ufficio Comunicazione, Relazioni Esterne e Marketing Territoriale del Parco Naturale Regionale Molentargius

© Riproduzione Riservata

Commenti