I camaleonti cambiano rapidamente colore grazie ad un meccanismo "hi-tech" unico nel regno animale. Il segreto è nella particolare struttura della pelle di questi rettili, composta da due strati di cellule di forma diversa, e che si orientano in modo da riflettere la luce in modi differenti.

Lo ha scoperto, e descritto sulla rivista Nature Communications, il gruppo dell'università di Ginevra coordinato da Michel Milinkovitch. Contrariamente a quanto succede in altri animali, che cambiano colore accumulando o disperdendo i pigmenti nelle cellule della pelle, per capire che cosa succede nei camaleonti bisogna scomodare la fotonica, ossia la disciplina che studia il comportamento della luce e la sua interazione con materiali di tipo diverso.

Trasformare il colore della pelle è, per i camaleonti, vitale per mimetizzarsi come per interagire con i loro simili. Questo è possibile grazie a un meccanismo mai visto finora nel regno animale e basato su un doppio strato di cellule della pelle, in ognuno dei quali le cellule hanno forme e comportamenti diversi. Le cellule dello stato superficiale si comportano in modo diverso a seconda che la pelle sia eccitata o rilassata e ricordano i cristalli fotonici. Questi sono strutture che esistono in natura (ad esempio negli opali o in alcune specie di farfalle) e che riescono a modificarsi, variando la velocità di propagazione della luce che li attraversa. Il secondo strato di cellule e' la vera novità per gli zoologi: è il più profondo e sottile, è specializzato nel riflettere la luce solare nel vicino infrarosso e potrebbe avere soprattutto la funzione di tenere al caldo i camaleonti. (ANSA).

© Riproduzione Riservata

Commenti