Animali

Perché non riusciamo (quasi) mai a colpire una mosca?

Una ricerca dimostra che gli animali hanno una percezione del tempo diversa dalla nostra, i più piccoli vedono il mondo "al rallentatore". E i cani non possono guardare la tv...

iStockphoto

Perché la mosca riesce sempre a volare via più in fretta del colpo di giornale che sta per abbattersi su di lei? E perché è così difficile colpire una zanzara in volo?

Probabilmente perché hanno una percezione del tempo diversa da quella umana, molto ma molto più lenta. Per gli animali, in particolare quelli molto piccoli che hanno un metabolismo accelerato rispetto al nostro, la percezione del tempo è completamente diversa. Lo ha dimostrato uno studio del Trinity College di Dublino, presentato in un articolo sulle pagine del Guardian.

Andrew Jackson, uno degli autori della ricerca, spiega che lo studio è stato condotto su diverse specie di animali, misurando le loro reazioni a una luce lampeggiante. "Alcuni possono percepire un bel guizzo veloce e gli altri invece lo vedono molto più lento. È interessante notare che c'è una grande differenza tra le specie grandi e piccole". Dunque gli animali molto più piccoli di noi, come ad esempio la mosca, vedono il mondo con un continue effetto "rallentatore", quello che al cinema verrebbe definito "slow motion". Quindi si accorgono in fretta dei nostri movimenti.

Tv, computer e schermi compongono le immagini attraverso uno sfarfallio luminoso, che ai nostri occhi diventa una serie di immagini costanti. Ma i proprietari di cani dovrebbero sapere, ad esempio, che i loro animali domestici possono vedere lo sfarfallio delle immagini sullo schermo tv, quindi non sono in grado di percepire immagini stabili. Il loro sistema visivo ha una frequenza di aggiornamento superiore a quella dello schermo del televisore. Forse è per questo che difficilmente cani e gatti si soffermano troppo a guardare i nostri programmi preferiti.

Gli animali studiati appartengono a oltre 30 specie, tra cui roditori, anguille, lucertole, polli, piccioni, cani, gatti e tartarughe giganti.

© Riproduzione Riservata

Commenti