È stato lui la vera star dell’ultimo appuntamento scientifico della tappa barese di Panorama d’Italia. Ospite d’eccezione di Focus il robot da Vinci è diventato il protagonista di selfie appassionati e ha sollevato molta curiosità.

Anche perché il pubblico dell'evento "A spasso nello spazio" organizzato nell'ambito del tour Panorama d'Italia a Bari è stato “trasportato” virtualmente in una sala operatoria per vedere di cosa è capace da Vinci.

Mentre un ingegnere biomedico alla consolle mostrava la potenza innovativa del robot, Francesca Cerruti, direttore marketing e comunicazione di Ab medica, spiegava che si tratta di “un sistema robotico per chirurgia mini invasiva utilizzato in 94 ospedali in Italia e molto apprezzato in Puglia dove ce ne sono già installati”.

da Vinci, sottolinea Francesca Cerruti, “aiuta a diventare super chirurghi, si possono manovrare tre strumenti e una fibra ottica in 3D contemporaneamente consentendo una sorta di navigazione nel corpo umano con una qualità di risultati altissima”.

E la conferma arriva dal professor Giuseppe Mario Ludovico, direttore dell’Unità operativa di Urologia dell’Ospedale Generale regionale “F.Miulli”: “viene usato in molte specialità chirurgiche, dall’urologia alla otorinolaringoiatria. Grazie alla capacità di penetrazione nell’organismo è come avere la propria testa dentro il corpo umano. La precisione dell’intervento è massima senza contare che il paziente torna a casa in pochissimi giorni”.

L’investimento per la struttura ospedaliera è importante: 2 milioni di euro. Ma ne vale la pena: “la nostra direzione generale con notevole lungimiranza - sottolinea il professor Ludovico - ha deciso di comprare un secondo robot”.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Commenti