Chiesa e pedofilia: nasce una task force per i minori

Entro l'anno sarà operativo il Centro per la prevenzione delle violenze sessuali

– Credits: Ansa

Sorgerà a Roma, sarà ospitato presso la Pontificia Università Gregoriana e sarà operativo entro la fine del 2014. Sarà il primo centro internazionale per la prevenzione delle violenze sessuali sui minori commesse dal clero («Centre for Child Protection»): una task force multidisciplinare e multilingue impegnata sul fronte della prevenzione, lotta agli abusi, accompagnamento delle vittime ma anche trattamento e cura per i colpevoli. Psicologi, psichiatri, giuristi e canonisti di tutto il mondo lavoreranno in équipe per fornire consulenza, anche a distanza, definire protocolli di terapia e cura, raccogliere dati sul fenomeno, indicare metodologie adeguate per la prevenzione. Dopo l’istituzione, nel marzo scorso, della Pontificia Commissione per la Tutela dei minori, composta da otto esperti internazionali che si sono riuniti nei giorni scorsi in Vaticano questo è un altro deciso passo nella direzione della lotta alla pedofilia compiuto sotto il pontificato di Bergoglio. Il centro nasce sulla scorta dell’esperienza maturata negli ultimi due anni presso la diocesi di Monaco di Baviera, dove l’Università Gregoriana in cooperazione con la clinica universitaria di Ulm ha realizzato un istituto per sviluppare un approccio mondiale organico alla lotta contro la violenza sui minori nella Chiesa cattolica, tenendo presenti le peculiarità dei diversi contesti geografici. Il centro tedesco ha un piano di lavoro triennale e un budget di 30 milioni di euro. L’esperienza e i dati raccolti a Monaco saranno molto utili per il gruppo di lavoro che si insedierà a Roma. Incaricato di seguire l’istituzione del centro internazionale di Roma attualmente è padre Hans Zollner, ordinario di psicologia all’Università Gregoriana e membro della Commissione pontificia. Ma la direzione del centro sarà poi molto probabilmente affidata a una donna. Il centro offrirà anche un programma di e-learning di 30 ore in inglese, tedesco, italiano e spagnolo per la prevenzione degli abusi sui minori nella Chiesa.  

© Riproduzione Riservata

Commenti