Politica

Unioni civili tra gay: per l'Europa sono un diritto umano

Il voto favorevole dell'Unione Europa invita i singoli Governi a riflettere e indirizzarsi verso il sì ai matrimoni tra persone dello stesso sesso

nozze gay

– Credits: iStockphoto

L'Europarlamento vota a favore del riconoscimento delle unioni civili e del matrimonio tra persone dello stesso sesso considerandolo come un diritto umano.

L'Unione europea - si legge in una relazione approvata con oltre 390 voti a favore, 151 no e 97 astensioni - incoraggia le istituzioni e i governi a contribuire ulteriormente alla riflessione su questo tema. Il passaggio sulle nozze gay compare al punto 162 della relazione annuale sui diritti umani e le democrazia nel mondo. Il Parlamento europeo, si legge nella relazione, prende atto "della legalizzazione del matrimonio e delle unioni civili tra persone dello stesso sesso in un numero crescente di Paesi nel mondo, attualmente diciassette, incoraggia le istituzioni e gli Stati membri dell'Ue a contribuire ulteriormente alla riflessione sul riconoscimento del matrimonio o delle unioni civili tra persone dello stesso sesso in quanto questione politica, sociale e di diritti umani e civili".

LEGGI ANCHE: A CHE PUNTO SIAMO IN ITALIA

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Nozze gay, adesso serve una legge

La sentenza del Tar del Lazio, che non consente al Prefetto di annullare la trascrizione, impone ora un rapido intervento del Parlamento

Commenti