Nostalgia canaglia

Venne un tempo in cui le liste le decidevano le ferree oligarchie di partito, democrazia michelsiana (dal nome dell’elitista Robert Michels). Venne poi un tempo in cui la democrazia si fece più “amerigana”, qualcuno si propose di scimmiottare le primarie …Leggi tutto

nostalgia.jpg

Venne un tempo in cui le liste le decidevano le ferree oligarchie di partito, democrazia michelsiana (dal nome dell’elitista Robert Michels). Venne poi un tempo in cui la democrazia si fece più “amerigana”, qualcuno si propose di scimmiottare le primarie d’oltreoceano, potere agli elettori, PD e Grillo in testa.Pur senza rinunciare all’italico e guicciardiniano particulare (voti gonfiati, schede perdute e quota garantiti), i cittadini poterono designare in tutto o in parte l’esercito dei candidati. Venne poi un tempo, ancora, in cui in un sussulto futuristico da poll-democracy, a dettare le liste furono i sondaggi pm-oriented. Bastava essere indagato per diventare d’un colpo “impresentabile”. Il tutto avvenne per giunta nel partito di un pluriprocessato. Garantista, un tempo. Nostalgia canaglia.

 

© Riproduzione Riservata

Commenti