Alcol bandito: Pizzarotti, il nuovo re di ParmaRiad

ParmaRiad ha finalmente  il suo re che di nome fa Pizzarotti. Di lui abbiamo imparato che va pazzo per il judo e il tiro con l’arco, predilige un abbigliamento casual e sa sopravvivere nei boschi. “Governare con lentezza” potrebbe …Leggi tutto

ParmaRiad ha finalmente  il suo re che di nome fa Pizzarotti.

Di lui abbiamo imparato che va pazzo per il judo e il tiro con l’arco, predilige un abbigliamento casual e sa sopravvivere nei boschi. “Governare con lentezza” potrebbe essere il suo motto, una filosofia di vita targata 5Stelle.
46 giorni ci son voluti per completare la giunta parmigiana, incluso un piccolo incidente non proprio lusinghiero, ovvero la nomina ad assessore all’urbanistica di un piccolo costruttore che un paio di anni prima aveva fatto fallimento. All’imbarazzo è seguita la sostituzione.

Adesso che tutto è pronto, i sudditi parmigiani attendono di vedere all’opera il Re 5Stelle. Del resto, Parma i suoi  grattacapi li ha, a partire dal buco di bilancio. E Re Pizzarotti pensa bene di inaugurare il suo governo con un bel provvedimento di cui tutti i sudditi parmigiani avvertivano supremamente l’urgenza: niente vendita di alcolici tra le 21 della sera e le 7 del mattino dal 24 luglio al 30 settembre. L’”abuso di alcool” e la “possibile rottura di contenitori di bevande in vetro” sono “fonte di degrado e pericolo per l’incolumità delle persone”. Allora perché non vietare semplicemente la vendita in bicchieri di vetro? Eh no! Re Pizzarotti proibisce la vendita di bevande alcoliche in qualsiasi contenitore, sia che tu voglia consumare sul posto sia che tu voglia portar via la peccaminosa lattina. Il modello del Re illuminato dalla Rete, come avete capito, è l’Arabia Saudita. Grazie al web che accorcia le distanze, il Re ha scoperto un mondo bellissimo, dove vigono ordine e rigore, a quello si è ispirato. Riad è a due passi da Parma.

E dire che d’estate poche cose danno sollievo come le passeggiate libere e spensierate, nel refrigerio della sera quando le temperature s’abbassano un pochino, per le viuzze dei Comuni italiani. Dove le persone si incontrano, scambiano, condividono.

Evidentemente il Re non è d’accordo. Meglio passeggiare in Rete, twittare e pubblicare un post sull’ultima diavoleria informatica. In Rete non si fa chiasso e non si alza il gomito.

 

© Riproduzione Riservata

Commenti