Politica

I tre mutui agevolati di Matteo Renzi

Un'inchiesta su Panorama in edicola da domani racconta il rapporto del premier, da privato cittadino, con gli istituti di credito

matteo-renzi

Il presidente del consiglio Matteo Renzi – Credits: ANSA/GIUSEPPE LAMI

Imperversa la crisi delle banche: migliaia sono i clienti danneggiati e anche il governo è in difficoltà. Ma qual è il rapporto che Matteo Renzi ha avuto con gli istituti di credito da privato cittadino?

- LEGGI ANCHE: La verità di Renzi sul decreto Salvabanche


Il settimanale Panorama, nel numero in edicola da domani, giovedì 17 dicembre, rivela che tra l’ottobre 2004 e il novembre 2012 il non ancora premier (ma in quegli anni prima presidente della Provincia di Firenze e poi sindaco della città) ha acceso tre mutui su due immobili acquistati da lui o dalla sua famiglia, per un totale di quasi 800 mila euro.
In due casi, a stipulare il contratto è la Cassa di risparmio di Firenze, e il funzionario che si presenta dal notaio è Renzo Renzi, cugino del padre di Matteo. Nel terzo caso, a erogare il mutuo è la Banca di credito cooperativo d’Impruneta, di cui è socio Marco Carrai, amico di Matteo Renzi.
Nell’inchiesta di Panorama vengono ricostruiti nel dettaglio le modalità di concessione dei mutui, le condizioni della restituzione e le garanzie offerte per l’erogazione dei prestiti.
In particolare, tra i dati emersi, Panorama ha accertato che la famiglia di Matteo Renzi, a fronte di un reddito da politico di circa 100 mila euro lordi annui, è impegnato mensilmente a restituire circa 4.300 euro (51.600 euro all’anno), pari alla somma delle tre rate dei mutui da saldare.

© Riproduzione Riservata

Commenti