La sinistra del partito democratico sfida la sinistra di Matteo Renzi. La battaglia è cominciata a Roma, in Piazza Santi Apostoli (la Piazza che fu dell'Ulivo) sabato 1 luglio, con un tentativo per ora ancora timido ma con le potenzialità di diventare un'aternativa al renzismo distruttivo del centrosinistra.

- LEGGI ANCHE: Renzi, l'uomo che non crede nella propria faccia

Almeno questa è l'idea di Giuliano Pisapia, ex sindaco di Milano, colui che aveva creato quel "movimento arancione" che riempiva le piazze (e i seggi elettorali) a Milano, che ha fondato il suo movimento Campo Progressista e che a Roma presenta con lo slogan di "Insieme, nessuno escluso" che parafrasa il "For the many, not for the few" del leader laburista inglese Jeremy Corbyn: una nuova casa comune del centrosinistra che si batte per i diritti e la dignità del lavoro, a fianco dei più poveri, contro l'abolizione dell'art.18.

Che difende la sanità per tutti, il diritto ad avere una casa, un'istruzione e un fisco più equo, che faccia pagare di più chi ha di più. Che vuole lo Ius soli, che ammonisce il Pd: "da soli non si va da nessuna parte", anzi "si apre la strada alla destra". E avverte: "la politica non è dei "like", non è l'io ma il noi".


Il programma politico

Pisapia torna a chiedere "una netta discontinuità" con il programma portato avanti da Matteo Renzi. Nel suo intervento, ricco di proposte concrete, pacato, - senza mai nominare direttamente il segretario Pd - l'ex Sindaco di Milano, rilancia la rappresentanza sindacale, definisce "un errore" aver cancellato per tutti l'Imu per la prima casa, come l'abolizione dell'Art.18

Parla di un'idea di Italia "più giusta, più inclusiva", su una sinistra radicata nelle tradizioni, ma aperta all'innovazione. Sottolinea che è il "popolo che chiede di stare assieme, che non capisce tante divisioni, e vuole andare avanti indipendentemente da bandiere e pensieri diversi".

Presenti e assenti

Giuliano Pisapia una prima scommessa già l'ha vinta: unificare attorno al palco di Piazza Santi Apostoli le varie anime politiche e sociali a sinistra del Pd e quelle moderate, come il Cd di Tabacci.

Grande assente il convitato di pietra Matteo Renzi e Romano Prodi, tornato alla ribalta negli ultimi mesi, a Strasburgo per i funerali dell'ex primo ministro tedesco Helmut Kohl.

Presente in prima fila il presidente della Camera Laura Boldrini: "Una piazza bellissima dove c'era tanta gente da tutta Italia e dove si è parlato dei problemi concreti del Paese", aprendo un dialogo a sinistra "per cercare punti in comune ma anche di discontinuita' dove le politiche messe in campo non hanno funzionato".

Presenti D'Alema, D'Attore, Gotor, Speranza, Laforgia, Scotto, Rossi, Zoggia, Epifani, Panzeri, ad applaudire forte Pierluigi Bersani. Poi le bandiere verdi e gialle di Angelo Bonelli e quelle del Partito socialista europeo, la cui piccola delegazione è guidata da Bobo Craxi.

Ben due ex Presidenti della Corte Costituzionale: Valerio Onida - applaudito dal palco quando dice "non cerchiamo un capo e non vogliamo essere i fedelissimi di nessuno" - e Giovanni Maria Flick.

C'è la Sinistra Italiana di Stefano Fassina, i sindaci "rossi" capitanati da quello di Palermo Leoluca Orlando, quantomai appassionato, Pippo Civati di Possibile, amministratori, consiglieri comunali, quadri e mille volti che sembrano tornare da un passato lontanissimo: Vita, Giordano, Tabacci, Sanza, Monaco, Livia Turco, Angius, Manconi.

Poi pezzi del Pd in ascolto attento: dal ministro Andrea Orlando a Nicola Zingaretti, presidente del Lazio, Errani, Cuperlo, Bassolino intenti a capire come si possa far nuovamente innamorare la sinistra delusa, astensionista e ormai sorda ad ogni appello.

Claudio Amendola e Sabrina Ferilli danno con due messaggi la loro benedizione a questa forza "che dovrà essere la sentinella del Pd". Di Gad Lerner l'appassionata conduzione mentre la musica è di una band "romano-irpina", che scalda la piazza con Rino Gaetano e "Io ci sto" e poi dedica un pezzo a Giulio Regeni.

© Riproduzione Riservata

Leggi anche

Pisapia scende in "Campo Progressista"

L'ex sindaco di Milano pronto a lanciare la sua alleanza di centrosinistra ma dice no al partito "geneticamente modificato" che guarda ad Alfano e Verdini

Commenti