Questo sito contribuisce alla audience di TGCOM24
Politica

Torna Cicciolina: 'Via questi politici a calci in c...'

Ilona Staller si candida alle politiche. Sognando Fo e guardando a Grillo

Il simbolo del partito di Cicciolina. (Credits: Ilona Staller)

Mi candido per buttare i politici fuori dal Parlamento a calci in culo. E con me vorrei Dario Fo”. Ilona Staller, in arte Cicciolina, di nuovo tentata dalla politica, punta alle elezioni di primavera con il partito che aveva creato qualche mese fa per le comunali di Monza. Un partito che già dal nome è tutto un programma: D.N.A., Democrazia, Natura, Amore e di cui l'ex porno diva è presidente insieme al suo compagno, il sexy-avvocato - come ama farsi chiamare - Luca Di Carlo che a Panorama.it anticipa: “Nella nostra lista ci saranno persone di tutte le classi sociali. E' una scelta fatta per dare una vera rappresentanza al popolo contro il dispotismo e il governo di elite”. Grillo docet? “Con Grillo non escludiamo di poterci in futuro alleare”. Intanto primo evento pubblico in piazza il prossimo 29 novembre a Roma.

Scusi Ilona, ma come le è venuto in mente di ributtarsi nella mischia proprio adesso che tutti ce l'hanno con i politici?

Hanno ragione gli italiani ad avercela con questi politici ladri. Vivo in Italia da '72 e quello che è successo in questi ultimi due, tre anni non lo avevo mai visto.

E allora non era meglio starsene tranquilla a casa a godersi la pensione da ex parlamentare?

Prendo 2.200 euro di pensione dallo scorso dicembre e in realtà non ho mai abbandonato il mio impegno politico e sociale con anziani, bambini, mamme, disabili.

Però nessuno se ne accorgeva allora lei ha deciso di ricandidarsi per farsi un po' di pubblicità...

La verità è che essendo stata io un personaggio trasgressivo la televisione, soprattutto la Rai, non ha mai voluto darmi grandi spazi.

D'accordo, ma perché tornare in politica?

Perché bisogna rottamare tutto.

Questo però è il programma di Renzi.

Sì, ma io non sono renziana e la rottamazione come la intendo io è una cosa diversa.

Cioè?

Mandare a calci in culo fuori dal Parlamento tutti i corrotti che hanno rubato a più non posso.

Qui sembra di sentire Grillo...

Ma io sono stata già cinque anni in Parlamento e non imitavo Grillo.

Quindi è Grillo che oggi imita lei?

Non lo so, però un anno fa pubblicò sul suo blog un mio discorso del 1986 fatto in Parlamento.

Guardando il confronto in tv dei Fantastici Cinque del centrosinistra, chi l'ha convinta di più?

Chi sono? No, non ho seguito.

Ma tra Renzi e Bersani lei chi preferisce?

In questo momento non saprei proprio. Certamente la politica non si giudica per il look o l'età, ma in base a cosa si è fatto di concreto per l'Italia. Non contano né l'orecchino di Vendola né le camice bianche aperte alla Zorro di Renzi.

Come giudica l'operato di Monti a un anno dal suo insediamento?

Monti? Che disastro! Mai visto un anno così brutto per l'Italia. Non so se dipende dall'eredità del passato o da lui che ci sta tassando anche quando andiamo in bagno a fare pipì.

Cosa consiglierebbe alla ministra Fornero per rendersi un po' più simpatica?

Intanto di non dire più ai giovani che sono choosy e indicare loro invece come dovrebbero fare a trovarsi un lavoro, perché finora non l'abbiamo capito.

Lei promette un salario garantito ai giovani. Dove pensa di trovare i soldi?

Basterebbe tagliare certe spese, per esempio quelle per i caccia militari.

Cos'altro intende fare?

Rendere possibile il matrimonio dei gay sia in comune che in chiesa e riaprire le case chiuse.

Chi ci sarà nella vostra lista?

Persone normalissime.

Ma a lei chi piacerebbe avere?

Dario Fo sarebbe il massimo.

Vi siete già sentiti?

Ancora no, ma ci conosciamo da tempo e io lo trovo fantastico, un'icona. Non l'ho ancora chiamato ma non è escluso che gli proporrò ufficialmente di partecipare.

© Riproduzione Riservata

Commenti

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>