Questo sito contribuisce alla audience di TGCOM24
Politica

Chi lavora per la lista Monti

Il premier non si esprime, però il progetto corre sotto traccia: ecco quelli che lavorano perché il Professore scenda in campo.

Credits: Paolo Tre A3 / Contrasto

Se nell’acquario della politica i vecchi partiti annaspano a causa della poca acqua rimasta, se l’avanzata di Beppe Grillo rischia di superare le previsioni (l’ultimo sondaggio Ipsos lo dà quasi al 21 per cento), se il forte rumore che si sente dal centro non fa intravedere, per ora, nulla di concreto, la strada potrebbe davvero essere obbligata: una lista Monti.

Il Corriere della sera, domenica 4 novembre, ha dedicato ampio spazio a questa ipotesi che, come risulta anche a Panorama, ha più di un fondamento. Manca da sciogliere il nodo essenziale, cioè la candidatura del premier, che sul punto non si sarebbe neppure espresso. Ma la notizia, a quanto raccontano persone a lui vicine sia all’interno del governo sia fuori, è che Mario Monti abbia cominciato a prendere in considerazione l’idea, cosa che fino a un mese fa sembrava impossibile persino immaginare.

Certo, lui preferirebbe che fossero gli altri a indicarlo, senza dovere necessariamente scendere in campo. Ma se servisse un suo imprimatur diretto, potrebbe a questo punto non farlo mancare.

I motivi? Forse il timore, da parte di Monti, che la fine della sua cosiddetta parentesi governativa rischi di riaprire un brusco ritorno al passato, dove la politica, lasciata sola, faticherebbe a gestire l’emergenza. Poi altre due considerazioni, quasi scontate. La prima: Pier Luigi Bersani, con Nichi Vendola, potrebbe generare una coalizione vincente, ma non in grado di garantire la stabilità di governo. La seconda: il passo indietro di Silvio Berlusconi e lo sfaldamento, come si diceva, di un’area moderata dove sembra ormai prevalere il «vorrei ma non posso» inaugurato da Luca Cordero di Montezemolo. Un vasto nucleo in movimento che vede alternarsi protagonisti diversi, dal presidente della Ferrari, appunto, al ministro per lo Sviluppo economico Corrado Passera (sul cui carisma politico, dopo un anno di governo, si scommette con meno convinzione rispetto al passato), alla ex presidente della Confindustria, Emma Marcegaglia, che dopo l’esperienza confindustriale è molto tentata da quella politica, ma non si è ancora espressa sul suo futuro.

In una fase così delicata e ancora piena di incognite molti indicano i pontieri di una lista capeggiata dall’attuale presidente del Consiglio nel ministro tecnico Andrea Riccardi e nel segretario della Cisl Raffaele Bonanni. Il pressing, se di pressing si può parlare quando l’interlocutore si chiama Mario Monti, avrebbe preso vigore negli ultimi giorni. E le indiscrezioni, ricostruendo i contatti e le affinità che un tale progetto potrebbe mettere insieme, fanno pensare che un pieno sostegno alla lista Monti potrebbe arrivare da Pier Ferdinando Casini, dagli stessi Montezemolo e Marcegaglia, dal ministro Passera e, naturalmente, dai pontieri Bonanni e Riccardi. Senza contare l’entusiasmo che scenderebbe sicuramente dall’Europa, Angela Merkel in testa, seguita a ruota da Wilfried Martens, presidente del Ppe.

Insomma, Monti premier eletto dai cittadini e non riserva pronta a entrare in campo per un Monti bis che in troppi danno per scontato. Dopo il risultato del voto siciliano e in attesa dell’esito delle primarie di Pd e Pdl, superata infine l’incognita su quale sarà la legge elettorale con cui confrontarsi, il nodo potrebbe essere sciolto. Magari col conforto di futuri sondaggi, considerato che la fiducia dei cittadini nei confronti del professore, in un anno, quasi mai è scesa sotto il 40 per cento.

E non è detto che la «strada obbligata » non possa piacere anche ad Angelino Alfano, se a quel punto fosse davvero orfano di Silvio Berlusconi. Perché, nonostante l’erosione di consensi, il Pdl continua a rappresentare un considerevole bacino di voti.

Un fatto è certo, e chi lo sta accompagnando in questa avventura lo conferma: a Monti fare il premier piace forse più di quanto egli stesso aveva preventivato. E andare al Quirinale, con Bersani al governo con Sel, non gli consentirebbe un ruolo neppure paragonabile a quello finora svolto da Giorgio Napolitano.

Leggi Panorama online

© Riproduzione Riservata

Commenti

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>