News

Paola Concia: "Sono un'apolide della politica e rischio di stare fuori"

Intervista alla deputata del Pd: "Non dovessi farcela ritorno alla mia vecchia professione"

La deputata del Pd Paola Concia. Credits: ( ANSA/ MASSIMO PERCOSSI )

Si dice che la cattolica Rosy Bindi volle la sua testa, Pierluigi Bersani la diede.

Onorevole Paola Concia, esclusa dal listino del segretario. La paladina dei diritti civili, che rischia di rimanere fuori dal parlamento…
Eh, che dire

L’hanno esclusa dal listino bloccato, quel listino di personalità scelte direttamente dal segretario.
No, esclusa no. Diciamo che finora ho una collocazione diversa. Ma attendiamo, vediamo, cerchiamo di capire cosa sarà

Sa benissimo che nelle primarie contano gli apparati e che la Concia rischia di essere battuta dal primo Carneade di provincia….
E’ chiaro che lo so. Chi come me ha avuto come territorio l’Italia difficilmente riesce ad avere il consenso territoriale che può avere un deputato che coltiva il proprio collegio elettorale

Il collegio della Concia?
E’ l’Italia. Ho svolto 650 iniziative in altrettante città diverse. Ho girato il paese in difesa dei diritti per cui mi batto.

Ma Bersani l’ha sacrificata alla Bindi
Ma no! Non lo credo, non voglio crederlo

Le ha dato la sua testa. La cattolica Bindi volle il capo della Concia…
Ma io sono un abruzzese dura. Ho ancora la mia testa sul collo, a me non la toglie nessuno

Quindi si sottoporrà alla lotteria delle primarie da sfavorita?
Sto cercando di capire in quale territorio sia meglio gareggiare, una terra che non mi rigetta. Nella mia uguale situazione c’è anche l’onorevole Ceccanti, Giacchetti. Due sono le opzioni: o la Puglia o Roma. Sono un’apolide della politica

Tutti simboli del Pd. Ma proprio non c’era un posto nella grande famiglia democratica?
Sono scelte legittime del segretario

Magari Bersani può sempre ritornare sui suoi passi…
Boh, speriamo. La riserva dovrebbe essere sciolta tra pochi giorni

E pensare che le deroghe per chi ha superato la quarta legislatura, sono state approvate senza battere ciglio
Una regola è una regola e le deroghe sono previste dallo statuto. Non ci vedo nulla di male. Ciascuno ha il diritto di chiederla

Ovvio, ma pensare che la Bindi, la Finocchiaro possano rientrare in parlamento e la Concia no…
Ehm. Le deroghe sono state votate in blocco. Io però non ho votato.

Ipotesi: la Concia non supera le primarie. Che lavoro farà?
Ma questo non è un problema che mi pongo. Ritorno alla mia professione di manager sportiva. Mi rimetto sul mercato. Intanto sto cercando di capire che fine farò….

© Riproduzione Riservata

Commenti