Esteri

Corea del Sud: vizi e virtù del Reverendo Sun Myung Moon

Controcorrente, affascinato dalla spettacolarità e amante del lusso: ecco chi era il religioso coreano

Il reverendo Moon e la moglie (Credits: AP Photo/Stephen Chernin)

Milioni di persone sembrano essere sprofondate nella più totale disperazione per aver perso il loro "messia". Il Reverendo Sun Myung Moon, che si è spento a novantadue anni in un ospedale della Corea del Sud.

In Italia il religioso sudcoreano era balzato agli onori della cronaca nel 2001, quando a New York celebrò le nozze tra l'ex arcivescovo cattolico Emmanuel Milingo e la coreana Maria Sung in un rito collettivo in cui vennero unite in matrimonio centinaia di altre coppie. Una cerimonia che rispecchiava in pieno la controversa personalità del Reverendo più famoso dell'Asia: controcorrente, affascinato della spettacolarità e amante del lusso.

Di origine nordcoreana, fuggito a Seul subito dopo la Guerra, decise di stupire il mondo fondando, nel 1954, un nuovo movimento, la Chiesa dell’Unificazione, che avrebbe dovuto "riunificare tutto il mondo cristiano", per ricostruire poi il "paradiso sulla terra". Riuscendo in ciò in cui nessuno prima di lui aveva avuto successo.

Che al Reverendo Moon piacesse far parlare di se' lo abbiamo scoperto mentre era in vita. Quando sostenne di aver ricevuto da Gesù in persona l'incarico di "occuparsi con urgenza dell'organizzazione un secondo avvento", nel 1936, in un'apparizione durante un momento di raccoglimento. O quando iniziò una sorta di gara con se stesso per stabilire di volta in volta il record dei matrimoni di massa più affollati. Toccando il suo massimo nel 1992, quando sposò contemporaneamente 30mila coppie, nello Stadio Jamsil di Seul.

Un record che conferma ancora una volta la sua caparbietà. Perché negli anni '90 Moon si era già reso conto che per soddisfare il suo terzo vizio, quello di vivere nel lusso più sfrenato, sarebbe stato saggio mantenere un profilo più basso. Da quando venne arrestato negli Stati Uniti per aver "manipolato le menti dei suoi seguaci" e punito con undici mesi di reclusione, Moon scelse di farsi meno pubblicità. Per poter lavorare al consolidamento dell'impero commerciale e finanziario che nel frattempo si era costruito con maggiore libertà.

I seguaci della Chiesa dell’Unificazione piangono il loro "messia". Perché la perdita di un elemento della coppia dei "veri genitori" impedisce alle famiglie che non sono ancora state benedette, vale a dire sposate da Moon e dalla moglie, di "generare figli liberi dal peccato originale". Tuttavia, considerando che la famiglia Moon ha bisogno della Chiesa dell'Unificazione per gestire il proprio patrimonio, è possibile che fra un paio di settimane la signora Moon verrà affiancata da uno dei figli. E questa strana Chiesa certamente troverà un modo per giustificare un incesto "necessario" per tutelare le ricchezze di famiglia.

© Riproduzione Riservata

Commenti